Home Attualità Il calciatore e la filosofia: mi piacciono Feuerbach ed Epicuro. Contrario ai...

Il calciatore e la filosofia: mi piacciono Feuerbach ed Epicuro. Contrario ai social network

CONDIVIDI

C’è un “secchione” in Serie A. Dalla sinistra hegeliana alla fascia sinistra della Spal, nel 3-5-2. Parliamo di Luca Mora, classe 1988, capitano della Spal che si accinge a giocare il campionato in Serie A dopo 49 anni. Mora si è diplomato al Liceo Scientifico e si è iscritto a Filosofia: “L’idea di laurearmi resiste e la voglia realizzare, ma lo sforzo fisico degli ultimi anni è stato massacrante. I libri, in ritiro, non riesco a portarli. Mi mancano ancora 5 esami per finire. La passione mi è nata a Verona. Ho trovato un professore che mi ha fatto appassionare”

 

SOCIAL NETWORK“Non mi piacciono. Fare come Stindl? (che non usa nemmeno il cellulare) Non ancora, ma lo invidio molto”.

Icotea

 

FILOSOFIA“Mi piace Feuerbach, leggendo Epicuro ho capito che giocare felici aiuta. Alla Spal abbiamo vinto due campionati perché eravamo così. Dobbiamo essere felici di essere, di poter dimostrare il nostro valore”

 

CASO NEYMAR“Il mercato crea soldi e uno li può spendere, se vuole. Se poi vogliamo parlare dal punto di vista etico, allora dovremmo rivedere l’80% di quello che ci circonda, non solo il calcio”.

 

{loadposition carta-docente}