Home Precari Il decreto Fioramonti in pillole

Il decreto Fioramonti in pillole

CONDIVIDI

Dovrebbe andare in porto il decreto legge sulla scuola voluto da Lorenzo Fioramonti con alcune novità che riguardano anche i dirigenti scolastici e i dirigenti tecnici.

In pillole queste le novità più salienti:

entro il 2021/2022 saranno assunti circa 61mila persone nella scuola a cui vanno aggiunti i 17mila maestre dell’infanzia con regolare concorso.

24 mila precari dentro

Inoltre è previsto il concorso straordinario per immettere in ruolo già da settembre 2020, 24mila precari con almeno tre anni di servizio. Supererà la prova chi otterrà un punteggio minimo di 7/10 nell’unico scritto, computer based, con quesiti a risposta multipla. Dopo l’anno di prova, che consentirà di acquisire i 24 Cfu con oneri a carico dello Stato, è sufficiente una lezione simulata per essere confermati in ruolo.

ICOTEA_19_dentro articolo

La commissione

La commissione di valutazione sarà composta da prof della scuola, più un membro esterno. Prevista inoltre la possibilità per chi ottiene 7/10, e non rientra nei 24mila vincitori, di potersi abilitare con la sola prova orale purché si acquisiscano i 24 Cfu e  stia insegnando con supplenza almeno fino al 30 giugno.

Concorso ordinario

Ma è pure previsto entro il 2019 un concorso ordinario per 24.500 cattedre a cui potranno partecipare anche i laureati con 24 Cfu.

Assistenti amministrativi

Gli assistenti amministrativi che per almeno 3 anni hanno svolto le funzioni di Dsga potranno partecipare a un concorso riservato. I vincitori saranno immessi in ruolo in subordine a quelli del concorso ordinario.

17 mila maestre

Ai nuovi circa 50mila docenti si aggiungerà un concorso per  la selezione per 17mila maestre di infanzia e primaria.

I pulizieri

Saranno stabilizzati pure 11.263 addetti alle pulizie da scegliere tra il personale delle imprese che abbia almeno 10 anni di servizio pregresso nelle scuole.

Trasporto

Anche sul trasporto scolastico c’è un provvedimento per garantire agevolazioni alle famiglie meno abbienti.

Inoltre sarebbe stata prevista una norma che consente a vincitori e idonei dei concorsi 2016 e 2018 di poter scegliere una regione/provincia diversa dove presentare domanda per accedere al ruolo.

Gli ispettori

Dal  2021 si vorrebbero assumere  59 ispettori scolastici, i famosi dirigenti tecnici ormai quasi del tutto scomparsi.

Niente più rilevazione biometrica

Vengono abrogate le disposizioni per la rilevazione biometrica degli accessi e degli orari di servizio per il personale Ata e per i dirigenti scolastici.

5 anni di permanenza

Per garantire la continuità didattica tutti i nuovi ingressi hanno il vincolo di permanenza di cinque anni nella sede di titolarità.

Assunzione di nuovi presidi

Saranno assunti con un concorso per titoli ed esami i nuovi dirigenti scolastici e non più con il corso-concorso previsto dall’attuale normativa. Una misura presa per semplificare e velocizzare le procedure di selezione dei futuri capi di istituto.