Home Attualità Il diario della legalità, Mattarella ai più piccoli: “Aiutarsi nelle difficoltà”

Il diario della legalità, Mattarella ai più piccoli: “Aiutarsi nelle difficoltà”

CONDIVIDI
  • Credion

Un’iniziativa ormai consolidata in favore della legalità nelle scuole. Si tratta dell’agenda scolastica “Il mio diario”, giunta all’edizione 2021/2022 e realizzata dalla Polizia di Stato, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione e con il sostegno del Ministero dell’Economia e delle Finanze e dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato Italiano.

Ospite della presentazione, questa mattina all’istituto comprensivo ‘Fiume Giallo‘ di Roma, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella che si è sottoposto alle domande degli alunni:

Icotea

“Ho dei bravi collaboratori, in Italia non c’è un solo organo che decide ma tanti organi. Molte decisioni le prende il Governo, altre il Parlamento, il presidente della Repubblica deve seguire tutti e intervenire con dei suggerimenti. Tra 8 mesi il mio incarico finirà, sono vecchio e potrò riposarmi.

“La legge più importante è la Costituzione coi suoi articoli. All’Art. 2 ci sono i diritti inviolabili dei cittadini, di ogni persona, l’art. 3 indica il principio dell’uguaglianza. Siamo tutti uguali di fronte alla Costituzione. Qualunque sia la nostra condizione economica e sociale, siamo tutti uguali. La pandemia ce l’ha ricordato, portiamo tutti la mascherina, bambini e adulti. Dobbiamo rispettarci tutti nella stessa maniera e nella stessa misura”.

“Studiare è importante ma più importante è aiutarsi reciprocamente, non nel copiare ma aiutarsi quando qualcuno ha bisogno di essere sostenuto. Se qualcuno ha difficoltà a camminare, aiutarsi vicendevolmente. Questo vale in qualsiasi posto, se ci si aiuta si vive meglio e ciascuno sta meglio. Aiutarsi rende migliore la vita di tutti quanti. Abbiamo appreso che dipendiamo dagli altri, abbiamo bisogno dei medici, degli infermieri, di chi lavora nei supermercati o chi porta gli autobus”.

Il capo dello Stato ha poi lanciato un breve messaggio nel corso della presentazione:

“Sono lieto di essere presente in questa bella scuola. Il diario è uno strumento che induce a diverse riflessioni, l’indicazione di conoscenza delle regole, il valore della legalità, ma anche uno strumento di educazione civica, i valori dell’uguaglianza e della libertà. Non c’è vera libertà se non c’è uguaglianza ma entrambe acquistano valore se c’è fraternità. Il diario vi accompagna nel percorso per percepire questi valori, ringrazio la Polizia di Stato. I vaccini hanno cominciato a sconfiggere il virus. Mentre noi eravamo a casa al riparo, gli uomini e le donne della Polizia di Stato erano fuori a combattere il pericolo. Grazie alla Polizia di Stato e auguri ai bambini, siete voi le persone più importanti a cui questo diario si rivolge”.

iscriviti

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook