Home Alunni Il Manuale per una scuola ribelle

Il Manuale per una scuola ribelle

CONDIVIDI
webaccademia 2020

L’Unione degli Studenti ha pubblicato alla fine di settembre un manuale di oltre 50 pagine in cui si analizza la legge 107/15 per contestarla punto su punto.

Nell’introduzione del testo si scrive: “La scuola che oggi frequentiamo non fa per noi. E’ una scuola che è più simile a una catena di montaggio. La didattica è frontale e nozionistica, i programmi molto spesso non badano alla realtà che cambia, la valutazione non è funzionale a valorizzare e accompagnare ma fa rima esclusivamente con punizione, la democrazia è una patina di belle parole ma sostanzialmente decide tutto il Dirigente Scolastico, gli spazi interni assomigliano più a un carcere che a un luogo che dovrebbe stimolare la creatività e il desiderio per il sapere. Ogni giorno la scuola italiana tenta di espellerci. Lo fa tramite i voti, i contenuti mai aggiornati, i voti in condotta, il limite delle 50 assenze, l’autoritarismo dei docenti, le manie di potenza dei Dirigenti Scolastici, l’inesistenza di diritti effettivi per gli studenti. Lo fa soprattutto con i costi sempre più alti per poter accedere all’istruzione, per l’inefficacia del sistema di diritto allo studio a livello regionale e nazionale e l’inesistenza di un complesso di politiche volte a tutelare il welfare studentesco“.

ICOTEA_19_dentro articolo

E ancora: “La riforma è stata votata, nonostante una mobilitazione imponente durata un anno intero, capace di coniugare contestazione e proposta alternativa. Le nostre proposte le abbiamo fatte, individuando 7 priorità contenute all’interno de l’Altra Scuola: un nuovo diritto allo studio col fine di raggiungere la piena gratuità dell’istruzione; un’alternanza scuola-lavoro finanziata e qualificata; finanziamenti per il rilancio della scuola pubblica; una riforma della valutazione in chiave democratica; investimenti sostanziosi sull’edilizia scolastica; un ripensamento radicale dell’autonomia scolastica; una riforma dei cicli scolastici, dei programmi e della didattica”.
Si iniziano ad affilare le armi della protesta.

Preparazione concorso ordinario inglese