Home Generale Il Papa: “Giovani: siete la ricchezza del Messico”

Il Papa: “Giovani: siete la ricchezza del Messico”

CONDIVIDI

Di fronte a circa 50 mila giovani riuniti a Morelia nello stadio per incontrarlo,  Papa Francesco, accolto al grido: “Vive Jesus, el Senor” e con un volo di migliaia di palloncini, ha detto: siete la ricchezza del Messico.

Per Francesco, la ricchezza deve essere trasformata in speranza, rimarcando “come la principale minaccia alla speranza sono i discorsi che ti svalutano, che ti fanno sentire di seconda categoria, di seconda o di quarta categoria. E’ doloroso quando ti fanno sapere che non importi a nessuno, e questo ci uccide”. Ed ancora: “E’ difficile sentirsi la ricchezza di una nazione quando non si hanno opportunità di lavoro dignitoso, possibilità di studio e di preparazione, quando non si vedono riconosciuti i diritti e questo finisce per spingere a situazioni limite”.

Icotea

Il Papa ha anche ricordato, pubblica L’Avvenire, che “nella famiglia si impara la vicinanza, si impara la solidarietà si impara a condividere, a discernere, a portare avanti i problemi gli uni degli altri, a litigarsi e a discutere ma a riavvicinarsi, abbracciarsi e baciarsi. La famiglia è la prima scuola della nazione. La famiglia è la pietra di base della costruzione di una grande nazione”.

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

Il pontefice poi ha detto che “è falso che l’unica possibilità di vita è la povertà. La parola di speranza si chiama Gesú Cristo, abbracciate la sua croce e non staccatevi mai dalla sua mano – ha continuato – Il trionfo non sta nel non cadere ma nel non rimanere caduti. Non permettevi di rimanere caduti e offrite la mano con dignità a un amico che è caduto. L’ascolto terapia è la medicina, non lasciate mai là mano di Gesù, con la mano di Gesù è possibile vivere a fondo”.

“Oggi il Signore continua a chiamarvi, continua a convocarvi, come fece con l’indio Juan Diego – ha detto il Papa – Vi invita a costruire un santuario. Un santuario che non è un luogo fisico, bensì una comunità, un santuario chiamato parrocchia, un santuario chiamato Nazione. Gesù mai ci inviterebbe ad essere sicari, ma ci chiama discepoli. Egli mai ci manderebbe a morire, ma tutto in Lui è invito alla vita. Una vita in famiglia, una vita in comunità; una famiglia e una comunità a favore della società”.

Poi un suggerimento ai 50 mila che aveva davanti: “Siate furbi come serpenti e umili come colombe”. Attenzione però anche alle lusinghe del mondo. E infatti, per il Papa, “la principale minaccia alla speranza è farti credere che cominci a valere quando ti mascheri di vestiti, marche, dell’ultimo grido della moda, o quando diventi prestigioso, importante perché hai denaro, ma in fondo il tuo cuore non crede che tu sia degno di affetto, degno di amore”.