Home Contratti Il pubblico impiego in trincea

Il pubblico impiego in trincea

CONDIVIDI

Continua a scaldarsi il clima sul rinnovo dei contratti degli statali.

Gli esecutivi unitari della funzione pubblica di Cgil, Cisl e Uil hanno annunciato “un fitto calendario di scioperi e mobilitazioni territoriali” che “riguarderanno tutte le regioni” per rilanciare i rinnovi contrattuali.

Icotea

Le risorse messe a disposizione nella legge di stabilità sono considerate largamente insufficiente dai sindacati, mentre il Governo, sulla base della sentenza che ha imposto di riavviare i contratti pubblici, ha basato i suoi calcoli sulla mini-inflazione attuale.

Una lunga trattativa, poi, è in corso sulla riduzione dei comparti pubblici, una delle parti strategiche della riforma Brunetta che è stata accantonata per anni ma che diventa obbligatoria, appunto, dal «primo rinnovo contrattuale» successivo alla sua entrata in vigore.

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

Sul tema si attende un nuovo confronto fra i sindacati e l’Aran, l’agenzia negoziale per il pubblico impiego, che dovrebbe partorire la geografia a quattro comparti al posto dei 12 attuali. Scuola, sanità ed enti territoriali dovrebbero stare a sé.