Home Generale Il sondaggio PD sul “bonus”

Il sondaggio PD sul “bonus”

CONDIVIDI

«Mance», per Berlusconi. «Voto di scambio», per i Cinque Stelle. Ma il bonus di 500 euro per i diciottenni «no è una mancia elettorale».

Però per Matteo Renzi «Questo modo di pensare è offensivo, ma non verso di me, verso gli italiani». «Gli italiani non si fanno comprare».

Icotea

E aggiunge ancora: «Aiutare i diciottenni a ricordare chi siamo mi sembra un dovere per un Governo, altro che mancia elettorale». E per respingere critiche e polemiche ha lanciato un «sondaggio» tra il popolo Dem: «Voi cosa ne pensate? Leggo volentieri le vostre considerazioni all’indirizzo [email protected]».

«Ci sono molte polemiche per il fatto che abbiamo deciso di coinvolgere i diciottenni in un progetto educativo e culturale», scrive Renzi in una lettera agli iscritti Pd. E torna a spiegarne le ragioni: «Come risposta alla crisi di valori – dice il premier – abbiamo pensato di offrire a chi diventa maggiorenne la possibilità per un anno di andare a teatro, alle mostre, nei musei, al cinema, agli spettacoli dal vivo utilizzando un bonus di 500 euro, lo stesso che abbiamo predisposto anche per i professori». «A me sembra bello – sottolinea – che chi diventa maggiorenne acquisti dei diritti, ma anche dei doveri. E il primo dovere è sapere chi siamo. La cultura, il teatro, la musica, il cinema, l’educazione sono elementi costitutivi dell’essere cittadini italiani».

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

Nelle intenzioni del premier – visto che ancora si tratta di un annuncio – i «550mila italiani che ogni anno compiono 18 anni riceveranno il bonus». La misura dunque sarebbe rivolta a tutti i cittadini italiani nell’anno in cui diventano maggiorenni: nel 2016, per esempio, a tutti i nati nell’anno 1998. Il bonus dovrebbe essere corrisposto sotto forma di carta di credito prepagata, con il vincolo ad effettuare spese solo nell’ambito culturale: musei, esposizioni, concerti, opere teatrali e (forse) anche libri.