Home Attualità Immunità di gregge nel 2021? C’è il rischio che sfumi, lo dice...

Immunità di gregge nel 2021? C’è il rischio che sfumi, lo dice Pregliasco

CONDIVIDI

Il  virologo dell’università degli Studi di Milano Fabrizio Pregliasco, di fronte ai ritardi sui vaccini in piena emergenza Covid, è preoccupato: “Raggiungendo quota 20-30% della popolazione coperta, vedremmo comunque un risultato”.

Tuttavia, spiega all’Adnkronos Salute, “Visti i rallentamenti che ci sono stati sulle forniture dei vaccini anti-Covid, raggiungere l’immunità di gregge a fine anno appare sempre più un traguardo sfumato, ma dobbiamo puntare a raggiungere almeno una copertura del 20-30% e coinvolgere nell’immunizzazione le persone a rischio”. 

Icotea

L’esperto, in accordo con la stessa Organizzazione mondiale della sanità, ritiene difficile che si riesca a portare a termine, fino alla meta completa dell’immunità di gregge, una vaccinazione di massa che richiede numeri senza precedenti, ma assicura: “Proteggendo i soggetti a rischio e raggiungendo quota 20-30% della popolazione coperta, vedremmo comunque un risultato in termini di riduzione di ricoveri e morti. Sarebbe un grossa spinta per la normalizzazione della situazione”.