Home Archivio storico 1998-2013 Generico Importi minimi relativi a tassa d’iscrizione e borse di studio universitarie

Importi minimi relativi a tassa d’iscrizione e borse di studio universitarie

CONDIVIDI
  • GUERINI
Con decreto del 16 febbraio scorso, il Miur ha proceduto all’aggiornamento dell’importo della tassa minima di iscrizione alle Università, che rispetto all’anno accademico in corso viene aumentato dell’1,7% in considerazione della Comunicazione del Ministero dell’economia e delle finanze relativa al tasso di inflazione programmato per l’anno 2006 come definito nel “Documento di programmazione economico-finanziaria per gli anni 2006/2009”. Pertanto, la tassa minima passerà da 171,99 euro a 174,91 euro.
Successivamente, con altri due distinti decreti ministeriali del 23 febbraio 2006 sono stati aggiornati per l’anno accademico 2006/2007, rispettivamente, gli importi minimi delle borse di studio ed i limiti massimi dell’Indicatore della condizione economica equivalente e dell’Indicatore della condizione patrimoniale equivalente.
In particolare, gli importi minimi delle borse di studio per l’anno accademico 2004/2005 (per quello in corso non si è proceduto all’aggiornamento perché era allo studio la revisione della normativa di riferimento in coerenza con la modifica recata dal Titolo V della parte seconda della Costituzione) stabiliti secondo la tipologia degli studenti in 4.203,97, 2.317,57 e 1.584,57 euro sono aggiornati per effetto delle variazioni dell’Indice generale Istat dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati, corrispondenti per l’anno 2005 al + 2,0% e  per l’anno 2006 al + 1,7%. Pertanto, gli importi minimi sono così definiti: studenti fuori sede euro 4.360,94; studenti pendolari euro 2.404,11; studenti in sede euro 1.643,74.

Per il prossimo anno accademico, i limiti massimi dell’Indicatore della situazione economica equivalente (Isee), fissati per l’anno accademico 2004/2005 tra i 12.935,27 ed i 17.247,03 euro sono aggiornati sempre per effetto delle variazioni dell’Indice generale Istat dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati e pertanto sono stabiliti tra i 13.418,27 ed i 17.891,03 euro. I limiti massimi dell’Indicatore della situazione patrimoniale equivalente, fissati per l’anno accademico 2004/2005 tra i 22.636,73 ed i 29.104,36 euro sono aggiornati tra i 23.481,98  ed i  30.191,12 euro.