Home Generale Ingiuste critiche al condizionale del Ministro Giannini

Ingiuste critiche al condizionale del Ministro Giannini

CONDIVIDI

Nei social network si scatenano le critiche per il mancato uso del congiuntivo, con reazioni del tipo: “Il ministro in un glorioso Se avrei”, Annamo bene! “. In realtà la Giannini, docente ordinario di Glottologia e Linguistica all’Università di Perugia, pur muovendosi su un terreno sdrucciolevole, non commette un errore. Il «se» vuole il congiuntivo quando introduce la protasi del periodo ipotetico. Quindi l’ipotetica gaffe del ministro dell’Istruzione è priva di fondamento.

A tal proposito si ricorda un articolo dell’Unità del 14 settembre 2009 dal titolo “Ahiahiai, signora Gelmini! E il ministro cade sulla grammatica ” che riportava un vero errore grammaticale dell’ex Ministro dell’istruzione Maria Stella Gelmini.

Icotea

In questo articolo si scrive: “il ministro dell’Istruzione, intervistata dal Tg1, ti piazza là un erroraccio bello e buono. Raggiunta dalle telecamere nel carcere minorile di Nisida, a Napoli, il ministro riassume in poche battute il Gelmini-pensiero. Se la prende con i prof che fanno politica. Minaccia controlli per chi non applica la riforma. E poi, ispirata dal luogo, parla dello stato de “i carceri”. Proprio così. Plurale di carcere. Solo che il ministro Gelmini lo declina al maschile: “i carceri” invece delle “carceri”.