Home Attualità Inizio d’anno con il botto?

Inizio d’anno con il botto?

CONDIVIDI

Nelle intenzioni dell’Unicobas l’avvio dell’anno scolastico dovrebbe segnare l’inizio della fine del Piano Renzi, definito per la verità “pacco-scuola Renzi-Giannini”.
Per il 17 settembre, infatti, è in programma uno sciopero nazionale dell’intero comparto proclamato proprio per protestare contro il Piano ma anche, e soprattutto, per rivendicare un programma di assunzioni credibile e la cancellazione immediata di alcune soluzioni considerate del tutto inaccettabili e irricevibili.
A cominciare dalla eliminazione degli scatti di anzianità che dovrebbero essere sostituiti da “elemosine di € 60 ogni 3 anni” elargite solo ai docenti che saranno  stati più bravi.
L’Unicobas contesta anche l’ipotesi dell’ingresso di soggetti privati d’ogni genere nei Consigli d’Istituto  e la trasformazione del collegio dei docenti in “consiglio dei docenti” con funzioni unicamente consultive.
“Il piano Renzi – aggiunge Stefano d’Errico, segretario nazionale del’Unicobas – prevede la scomparsa della titolarità giuridica di istituto, perché crea il ‘limbo’ di una ‘rete’ di scuole alla quale assegnare i docenti, come ‘tappabuchi’”
E – secondo Unicobas –  toccherebbe “all’onnipotente dirigente scolastico e al suo Mentor (sic!) decidere chi, come e quando ripescare dal limbo questo o quel docente”
Insomma d’Errico non ha dubbi: “E’ un meccanismo uguale all’assunzione diretta e discrezionale in uso nelle scuole private. I docenti vivrebbero la loro vita professionale alla ricerca di ‘crediti’ (ossia di prove di ‘fedeltà’, supplenze ed ore di aggiornamento prevalentemente burocratico), da collezionare nel loro ‘portfolio’ individuale a punti, preoccupati degli esiti dei vergognosi quiz Invalsi”.
Giudizio negativo senza appello anche sull’idea di cancellare o ridurre le supplenze: per  raggiungere questo obiettivo, secondo d’Errico bisognerebbe “creare un vero organico funzionale, prevedendo una percentuale maggiorativa del 10% rispetto al totale degli organici, da assegnare ad ogni istituto per le sostituzioni e per l’arricchimento dell’offerta formativa”.
Il Piano Renzi, invece, è ben altra cosa, sempre secondo Unicobas: “Il Governo prevede la mera copertura del turn-over e dei buchi d’organico creati negli ultimi vent’anni. In realtà ‘precari’ diventeranno tutti gli insegnanti, con un aumento delle ore di docenza ‘gratis et amore dei’ per coprire le supplenze e dimostrare alla Corte di Strasburgo, che intende condannare l’Italia ad una multa di circa 4 miliardi di euro per non aver stabilizzato i precari utilizzati per più di 36 mesi, che le assunzioni da farsi sarebbero meno del dovuto”.
“Questa
– conclude d’Errico – è la vera preoccupazione di Renzi, che altrimenti non avrebbe pensato neppure lontanamente ad una campagna di assunzioni”.
Non manca la polemica nei confronti dei sindacati rappresentativi e della Cgil in particolare accusati di eccessivo attendismo: “Capiterà quello che già è accaduto altre volte: i sindacati ‘pronta firma’ si muoveranno, forse, quando ormai buona parte del Piano Renzi sarà già diventato legge e cioè quando l’orario di lavoro dei docenti sarà stato aumentato col ‘recupero’ di Natale, Pasqua e delle altre ‘ferie sottese’”

 

ICOTEA_19_dentro articolo

Continua a seguirci anche su Facebook. Clicca “MI PIACE” sulla nostra pagina per essere aggiornato costantemente sulle notizie provenienti dal mondo della scuola.