Home Sicurezza ed edilizia scolastica Inizio scuola. In arrivo 350 mln. Da 3 a 150 mila euro...

Inizio scuola. In arrivo 350 mln. Da 3 a 150 mila euro a istituto, divari enormi. TABELLA con ripartizione scuola per scuola

CONDIVIDI
  • Credion

Il 17 agosto il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha firmato il decreto che d’intesa con il Ministero dell’Economia e delle Finanze stanzia per le scuole i 350 milioni di euro voluti dal decreto sostegni bis per garantire l’avvio dell’anno 2021/2022 in sicurezza, con un divario enorme tra le scuole, che ricevono ora 3 mila euro, ora 50 mila, ora 100 mila e più, sulla base del dimensionamento, degli organici e altri criteri. Una diversità di fondi, cioè, che riflette la diversità delle scuole del Paese, con istituti sottodimensionati e privi persino di Dirigente e di Dsga e istituti che pullulano di classi pollaio.

SCARICA IL DECRETO CON LA TABELLA CHE ASSEGNA LE SOMME SCUOLA PER SCUOLA

Spese autorizzate

I dirigenti scolastici potranno utilizzare questi fondi come segue:

  • acquisto di dispositivi di protezione,
  • acquisto di materiale per l’igiene individuale o degli ambienti,
  • acquisto di strumenti per l’aerazione,
  • interventi a favore della didattica per le studentesse e gli studenti con disabilità, disturbi specifici di apprendimento e altri bisogni educativi speciali,
  • interventi per potenziare gli strumenti digitali,
  • interventi per favorire l’inclusione e contrastare la dispersione scolastica attraverso il potenziamento dell’offerta formativa,
  • interventi per adattare gli spazi interni ed esterni degli istituti,
  • acquisto di servizi professionali, di formazione e di assistenza tecnica per la sicurezza sui luoghi di lavoro,
  • acquisto di servizi professionali per l’assistenza medico-sanitaria e psicologica.

Spiega il comunicato del MI: Con il decreto firmato, ora al vaglio degli organi di controllo, viene resa nota la somma a disposizione di ciascuna scuola. L’assegnazione dei fondi avverrà nei prossimi giorni insieme all’invio di una apposita nota che il Ministero dell’Istruzione fornirà alle scuole con le istruzioni operative per l’utilizzo delle risorse. Sarà previsto un supporto attraverso l’help desk per l’emergenza.

Barbara Floridia

Commenta così la sottosegretaria all’istruzione Barbara Floridia, senatrice M5S: “La riapertura delle scuole e l’avvio dell’anno scolastico in presenza per tutte le studentesse e tutti gli studenti è una priorità assoluta. Lo stanziamento di 350 milioni di euro disposto dal decreto Sostegni bis e la relativa ripartizione tra le scuole italiane, avvenuta con decreto del MI, è molto importante perché consente di proseguire il lavoro messo in campo dal Ministero e dagli istituti su diversi fronti: dall’acquisto di dispositivi di protezione e di materiale per l’igiene individuale o degli ambienti, all’adattamento degli spazi interni ed esterni per garantire lezioni in sicurezza, fino all’acquisto di strumenti per l’aerazione e quanto ritenuto utile per migliorare le condizioni di sicurezza all’interno degli Istituti. Il Ministero dell’Istruzione non solo ha reso noto l’importo a disposizione di ciascuna scuola, ma fornirà le istruzioni operative per l’utilizzo delle risorse anche attraverso il supporto di un help desk. Si tratta di un altro passo concreto per supportare con i fatti la scuola italiana in questa delicata fase legata all’avvio del nuovo anno scolastico”. 

Rossano Sasso

“Con i fondi stanziati, che saranno materialmente a disposizione degli istituti nel giro di pochi giorni, si potranno acquistare dispositivi di aerazione, ventilazione meccanica e sanificazione, si potrà potenziare l’offerta rivolta agli studenti disabili o con bisogni educativi speciali, o si procederà a interventi di contrasto della dispersione scolastica. Si tratta di fondi ingenti che, insieme alla prosecuzione della campagna vaccinale e a una maggiore preparazione complessiva del sistema scuola, dovrebbero scongiurare qualsiasi ipotesi di interruzione della didattica nel corso dell’anno scolastico”. Lo dichiara Rossano Sassosottosegretario del ministero dell’Istruzione.