Home Disabilità Inizio scuola settembre, in arrivo gli sportelli autismo

Inizio scuola settembre, in arrivo gli sportelli autismo

CONDIVIDI
  • Credion

Come abbiamo riferito in un articolo precedente il Ministero dell’Istruzione ha messo a disposizione delle scuole 10 milioni di euro per finanziare l’istituzione di sportelli per l’autismo, attività di potenziamento delle competenze logico-matematiche, di riduzione della dispersione scolastica, di contrasto al bullismo e al cyberbullismo, di miglioramento dell’orientamento, nell’ambito della normativa che predispone l’ampliamento dell’offerta formativa delle istituzioni scolastiche (legge 440/1997).

Nel corso di questa settimana, saranno pubblicati i relativi avvisi.

Icotea

Scarica il decreto ministeriale

Le stesse disposizioni ministeriali sulla scuola d’estate segnalano gli sportelli autismo tra le attività consigliate per la terza fase del Piano, in vista del rientro in classe e dell’accompagnamento degli alunni verso il nuovo anno scolastico.

A seguire la Faq del MI.

Quali tipologie di iniziative possono essere realizzate nella III fase (settembre 2021) della scuola d’estate?

La III Fase ha l’obiettivo di accompagnare gli studenti alla partenza del nuovo anno scolastico, mediante contatti personali e riflessioni, incoraggiati e sostenuti per affrontare la prossima esperienza scolastica.

Si possono a tale fine ipotizzare, ad esempio, attività laboratoriali o momenti di ascolto, anche avvalendosi di collaborazioni esterne per sportelli informativi tematici o di supporto psicologico o, nel caso di materie afferenti specificatamente all’inclusione, potenziando ad esempio il ruolo dei CTS e di sportelli ad hoc (ad es. sportelli autismo).

È, inoltre, auspicabile affrontare tematiche legate al rinforzo disciplinare in un’ottica laboratoriale e di peer tutoring, anche autogestiti dagli studenti (in base all’età) e supervisionati da docenti tutor, avvalendosi delle innovazioni didattiche di cui si è fatta esperienza nell’ultimo anno: didattica blended, one to one, cooperative learning, realizzando unità formative brevi e autosufficienti, personalizzate e responsabilizzanti.