Home Attualità Inizio scuola. Tamponi gratuiti per i non vaccinati? La decisione a breve

Inizio scuola. Tamponi gratuiti per i non vaccinati? La decisione a breve

CONDIVIDI
  • Credion

Come abbiamo anticipato giorni fa, per domani 24 agosto è previsto l’incontro tra il Ministero dell’Istruzione e i sindacati per discutere di inizio scuola e di tamponi, gratuiti o meno, per il personale docente e Ata non ancora vaccinato.

Secondo il Ministero, lo ricordiamo, i tamponi possono essere gratuiti solo per chi effettivamente non ha potuto vaccinarsi per motivi sanitari, mentre i sindacati contestano questa interpretazione. Lo chiarisce il nostro direttore Alessandro Giuliani.

La nota ministeriale

La nota allegata al Protocollo precisa infatti che il tampone diagnostico rappresenta uno strumento essenziale per monitorare l’andamento dell’epidemia anche all’interno della comunità scolastica. Pertanto, le scuole potranno utilizzare parte delle risorse assegnate, e in corso di assegnazione, per l’effettuazione tramite le ASL o strutture diagnostiche convenzionate di tamponi nei confronti del solo personale scolastico fragile, dunque esentato dalla vaccinazione. Si è, infatti, inteso promuovere un’azione orientata verso coloro che, non avendo la possibilità di vaccinarsi per motivi certificati di salute, si trovano ad essere privi della primaria copertura vaccinale e, quindi, con maggiore rischio per la diffusione dell’epidemia all’interno delle istituzioni scolastiche.

E il personale scuola non vaccinato per ragioni ideologiche o altro tipo di motivazione? In sua difesa, le organizzazioni sindacali hanno chiesto un incontro urgente per i necessari chiarimenti sulle implicazioni dei provvedimenti e delle note sul rapporto di lavoro e sull’organizzazione della vita delle scuole.

Di altro avviso Luigi Berlinguer, come riferisce il nostro vice direttore Reginaldo Palermo. Ci vuole un atto energico dello stato, del premier, per superare i ritardi, garantire le lezioni in presenza. Bisogna accelerare – afferma l’ex ministro dell’Istruzione – e chi ammicca ai professori no vax non fa altro che politica da strapazzo”.