Home Attualità Innovazione didattica e tecnologica fra gli obiettivi del Ministro

Innovazione didattica e tecnologica fra gli obiettivi del Ministro

CONDIVIDI
  • Credion

Rendere la scuola  più efficiente ed efficace nel segno della tecnologia, per porla al centro della ripresa economica e culturale del nostro paese sembra essere la volontà del Ministro dell’istruzione.

Potenziamento delle tecnologie

Icotea

La legge 107 del 2015 ha introdotto, nel mondo della scuola,  l’adozione di un piano digitale con l’obiettivo non solo di migliorare la formazione dei  docenti  e promuovere maggiori competenze negli studenti ,  ma anche di adottare strumenti organizzativi e tecnologici per favorire la governance di tutto il sistema.

Scuola e pandemia

La pandemia, non ancora cessata, ha messo a dura prova la società tutta e in modo particolare il sistema scolastico messo in crisi nella sua organizzazione.
Grazie all’impegno profuso dal suo personale tutto, la scuola è riuscita a reggere l’urto  è attraverso la DAD ha proseguito nel raggiungimento delle sue finalità.

Per promuovere la scuola come fulcro centrale del paese per  rilanciare la società del futuro è necessario innovare, progettare, sperimentare.

Innovare

L’esperienza della DAD ha sollecitato un maggiore interesse  per le nuove tecnologie, nella misura in cui offrono delle buone  opportunità apprenditive.
In tale prospettiva, come evidenziano le ricerche sull’introduzione dell’informatica a scuola, è opportuno implementare i laboratori informatici, e potenziare le competenze  delle studentesse e degli studenti nell’ambito delle discipline STEM (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica)

Progettare

Sarà necessario ripensare la programmazione scolastica nel suo insieme, facendo sì che gli ambiti disciplinari vengano utilizzati nei contesti di apprendimento come chiavi di lettura per comprendere e interpretare le conoscenze.

Sperimentare

È fondamentale continuare a investire sulla sperimentazione e sulla diffusione di metodologie didattiche che favoriscano il superamento di un modello di insegnamento di tipo meramente trasmissivo, in favore di una didattica per competenze, di tipo collaborativo, che consenta una maggiore personalizzazione degli apprendimenti, tenendo conto delle esigenze specifiche di ciascuno studente.

Prospettive per il futuro

Rendere più strutturale ed efficace la formazione del personale  scolastico sulle attività on line, sulla conoscenza di piattaforme tecnologiche, promuovere la conoscenza di  una didattica interattiva e laboratoriale per i docenti  in ogni ordine e grado di scuola, riservando un’attenzione particolare al sistema degli Istituti Tecnici Superiori (ITS), diventa un obiettivo oggi irrinunciabile se veramente si vuole rendere “la scuola al centro della società della conoscenza”