Home Generale Italia in ritardo con gli asili nido. Un fabbisogno superiore a 5,5...

Italia in ritardo con gli asili nido. Un fabbisogno superiore a 5,5 miliardi

CONDIVIDI

La vice sindaca di Firenze e presidente della commissione Scuola Anci, Cristina Giachi, intervenuta alla trasmissione di Radio Uno ‘Giorno per giorno’, ha osservato: “Il Paese è in ritardo nel raggiungimento del cosiddetto ‘Obiettivo Lisbona’, cioè la dotazione di asili nido per il 33% della popolazione da zero a tre anni. Solo in quattro regioni l’indice di copertura dei servizi socio-educativi per la prima infanzia ha superato la soglia richiesta, mentre una forte carenza di infrastrutture la troviamo in alcune Città metropolitane e province”.

L’obiettivo del 33%

Giachi, rifacendosi alla ricerca elaborata dall’Ufficio studi Anci, ha spiegato come per raggiungere complessivamente l’obiettivo del 33%, fissato in sede comunitaria, nel nostro Paese si dovrebbero costruire 9.064 nuove sezioni di asilo nido, per un fabbisogno complessivo di quasi 2,2 miliardi”.

Mentre se “si ponessimo l’obiettivo del 50% della popolazione nazionale, le sezioni da mettere in campo sarebbero 23.676 ed il fabbisogno complessivo sarebbe superiore a 5,5 miliardi”.

ICOTEA_19_dentro articolo

Politiche per l’infanzia

Accanto a questo fattore pesa il fatto che “le politiche per l’infanzia non sono tema emergente nell’agenda politica nazionale. Inoltre, in alcune aree del Paese – ha aggiunto Giachi – politiche mirate sono paradossalmente poco richieste, perché è forte l’idea che l’educazione della prima infanzia debba restare appannaggio delle famiglie. La conferma viene dai dati relativi al tempo pieno, con tantissimi bambini che fanno solo la metà del tempo scuola”.

Posti prensili nido

Quindi si è detta d’accordo con la proposta di trasformare i posti in eccesso nel settore infanzia in nuovi posti per gli asili nido: «Ne abbiamo discusso la scorsa settimana con il ministro Bussetti, durante il suo intervento ai lavori della commissione Anci. Visto il calo delle nascite – ha rilevato – sarebbe opportuno utilizzare i surplus educativi nella fascia 0-6 anni, anche se la conversione non è matematica. Ci sono punti che vanno trattati con attenzione per arrivare a soluzioni efficaci».