Home Generale L’educazione mi sta a cuore: II edizione del concorso

L’educazione mi sta a cuore: II edizione del concorso

CONDIVIDI
  • Credion

Obiettivo dell’iniziativa, dedicata agli studenti di ogni ordine e grado di tutto il territorio nazionale, e realizzata grazie al sostegno delle Casse Rurali Trentine e dell’Azienda per il Turismo di Rovereto e Vallagarina, è dare voce a bambini e ragazzi che potranno così dire cosa significhi educazione e perché sta a loro a cuore.

I vincitori saranno comunicati e premiati il 7 aprile nella prima giornata della manifestazione interamente dedicata alle scuole.

Icotea

Dopo il successo della I edizione, anche in questa seconda edizione del concorso bambini e ragazzi sono invitati a realizzare il loro cuore: un’opera originale usando i diversi linguaggi espressivi; l’opera candidata (entro il 9 marzo) potrà essere visiva (un disegno, un dipinto, un collage, una fotografia o una scultura); scritta (un saggio breve, un racconto, una poesia) o multimediale (un cortometraggio, un videoclip, un documentario o un reportage).

 

{loadposition carta-docente}

 

Il regolamento e le modalità di partecipazione sono pubblicate sul sito www.educaonline.it.

Le produzione artistiche saranno valutate per categoria di appartenenza (elementari, medie e superiori) da una commissione di esperti provenienti dagli enti promotori che selezionerà le quattro (tre trentine e una extraprovinciali) più meritevoli prestando particolare attenzione al percorso educativo-pedagogico svolto dalla classe. I vincitori saranno comunicai il 7 aprile – prima giornata del festival – in occasione della celebrazione dell’omonima campagna di sensibilizzazione “L’EDUCAZIONE MI STA A CUORE”. Grazie al sostegno delle Casse Rurali Trentine le classi vincitrici trentine riceveranno ciascuna un buono di 800 € (il cui valore al netto degli oneri di legge è pari a 600 €) da utilizzare per un viaggio o visita studio coerente con il loro percorso scolastico; l’APT di Rovereto e Vallagarina con i Musei del territorio ha messo invece a disposizione di 20 studenti e due insegnanti di una scuola extraprovinciale un soggiorno a Rovereto con l’opportunità di vedere le bellezze locali sia quelle naturalistiche che storiche e artistiche e di partecipare a laboratori didattici appositamente ideati per loro. L’APT ha inoltre predisposto pacchetti per facilitare la partecipazione al festival di famiglie e scuole. Una selezione delle opere sarà messa in mostra durante i tre giorni di Educa.