Home Archivio storico 1998-2013 Generico L’iperattività si “combatte” con la pedagogia, non con la chimica

L’iperattività si “combatte” con la pedagogia, non con la chimica

CONDIVIDI

Il Ritalin ("stimolante centrale, come tale appartiene ai farmaci d’abuso ed è incluso nella tabella degli stupefacenti" precisa sempre il Ministero) è stato commercializzato in Italia fino al 1989; poi – anche a seguito delle vivaci polemiche che l’uso del farmaco aveva suscitato – venne ritirato per iniziativa dell’azienda che lo produceva.
Adesso tutto è pronto per una nuova registrazione e per la rapida immissione sul mercato nazionale.
Negli Stati Uniti d’America il metilfenidato è in commercio da anni ed è ormai un vero e proprio affare (in poco tempo le vendite sono aumentate del 600%) ma sta letteralmente spaccando l’opinione pubblica e il mondo politico (anche Hillary Clinton è scesa in campo contro il farmaco).
Gli esperti italiani sono perplessi: secondo il farmacologo Silvio Garattini "ci sarebbe bisogno di studi più approfonditi che valutino l’efficacia del farmaco e che definiscano i criteri diagnostici e monitorizzino nel tempo l’andamento di questa sindrome, la cui incidenza, in realtà, non è nota".
Sì, perché in realtà la sindrome di ADHD non è così definita come potrebbe sembrare: si parla di una incidenza variabile fra il 2 e il 20%, il che significa che i sintomi che la caratterizzano sono troppo vaghi e difficilmente interpretabili in modo univoco.
Ma l’iniziativa del Ministero della Sanità trova contrari soprattutto le Associazioni dei docenti specializzati che intendono sposti l’attenzione dai problemi medici a quelli pedagogici.
Con i bambini iperattivi – affermano per esempio Ermanno Tarracchini e Valeria Bocchini insegnanti specializzati per il sostegno a bambini con difficoltà di apprendimento con una esperienza quasi ventennale – non serve la chimica, ma la pedagogia.
"Quando si spiega al bambino cosa deve fare per stare attento – scrivono i due docenti in un articolo pubblicato nel frequentatissimo Didaweb – e si variano le strategie di presentazione dei contenuti, in modo da rispettare maggiormente i tempi e le personali modalità evocative il bambino agitato si tranquillizza, sta ‘attento’ e impara a prestare attenzione".
E proseguono: "Una nuova interazione pedagogica con lo studente, già sperimentata lungamente e con successo in Francia, così come in molti altri paesi del mondo, può aiutare gli insegnanti a migliorare l’attenzione dei bambini “troppo vivaci” ed il loro rendimento scolastico, grazie ad un diverso ascolto e dialogo pedagogico".
La cosiddetta iperattività dovrebbe essere quindi innanzitutto un problema di pertinenza pedagogica. E, solo in quei casi in cui sia dimostrata una compromissione neurologica o comunque organica, dovrebbe diventare di pertinenza pediatrico-neurologica.
Niente Ritalin, dunque, ma più attenzione agli aspetti educativi e relazionali.

CONDIVIDI