Home I lettori ci scrivono La Buona Scuola e la revisione delle classi di concorso

La Buona Scuola e la revisione delle classi di concorso

CONDIVIDI
  • Credion

Le classi di concorso affini del settore moda  negli indirizzi artistici, professionali e tecnici vanno attenzionate per quanto riguarda l’attribuzione degli insegnamenti. 

Per esempio è assurdo che chi è abilitato nella A024 “Disegno professionale e storia della moda e del costume” non possa insegnare:

1) negli istituti tecnici ad indirizzo “Sistema moda” le discipline
di indirizzo relative alla progettazione sia grafica che tecnica (purtroppo le ore di insegnamento sono state affidate a classi di concorso che nulla hanno a che vedere con la progettazione di moda);

Icotea

2)nei licei artistici ad indirizzo “Design della moda e del costume” (con ore di insegnamento attribuite esclusivamente alla A004 che ha identici contenuti rispetto alla A024) .

E’ profondamente ingiusto che chi dopo aver conseguito il Diploma di Maturità d’Arte Applicata nell’indirizzo “Moda e costume”, il Diploma di Laurea all’Accademia di Belle Arti e infine si sia abilitato in Disegno professionale e Storia della Moda e del costume (A024) possa insegnare soltanto negli istituti professionali e non nei tecnici e nei licei ad indirizzo moda.

A004 “Arte della moda e del costume” e A024 “Disegno professionale e storia della moda e del costume” vanno accorpate: praticamente si tratta di discipline che hanno contenuti pressochè corrispondenti.

La A024 va giustamente inserita non solo nei licei artistici ma anche negli istituti tecnici ad indirizzo moda.