Home Archivio storico 1998-2013 Notizie dalle Regioni La Calabria si prepara ad ospitare gli studenti abruzzesi

La Calabria si prepara ad ospitare gli studenti abruzzesi

CONDIVIDI
  • Credion
In occasione della firma di un protocollo d’intesa tra l’Ufficio scolastico regionale per la Calabria e il Dipartimento di scienze dell’educazione dell’università della Calabria, relativo all’attuazione di una serie di progetti per una maggiore formazione dei docenti sul tema della legalità, il direttore generale dell’Usr ha parlato anche della tragica situazione abruzzese.
La scuola calabrese, infatti, accoglierà gli studenti abruzzesi ed i loro genitori, i quali, durante il fine settimana, potranno incontrare i loro figli ospiti in Calabria.
“Gli interventi che intendiamo mettere in cantiere – ha detto il direttore generale Francesco Mercurio- sono azioni concrete di solidarietà nel mondo della scuola abruzzese da parte dell’intero sistema scolastico calabrese”.
Non è poi da tralasciare che l’attuale direttore generale dell’Usr per l’Abruzzo, Carlo Petracca, è stato per circa un anno alla guida della scuola calabrese prima dell’arrivo di Francesco Mercurio. E proprio Mercurio ha inviato una lettera carica di speranza e di buoni propositi al collega abruzzese.
“L’immane catastrofe che ha colpito la serenità di tante famiglie – scrive Mercurio a Petracca – ha destato molta tristezza nella comunità scolastica calabrese. Poiché le parole, seppure apportatrici di solidarietà e di vicinanza, possono ben poco di fronte ad un cataclisma, permettimi allora, di unirmi concretamente alla solidarietà nazionale. E’ mia intenzione promuovere una iniziativa che consenta agli studenti della tua regione l’ospitalità in strutture convittuali in Calabria”.
A tal fine, presso l’Usr Calabria, è stato già costituito un comitato di regia composto da dirigenti scolastici, docenti, genitori e componenti delle consulte studentesche.
“Inoltre –conclude Mercurio- stiamo inviando una comunicazione a tutti i dirigenti scolastici per attivare una raccolta fondi nelle scuole”.