Home Politica scolastica La contro-riforma del M5S: assumere 300mila docenti, stop classi pollaio e incentivi...

La contro-riforma del M5S: assumere 300mila docenti, stop classi pollaio e incentivi al part time

CONDIVIDI

Procedere, tra il 2015 e il 2020, ad un piano quinquennale di assunzioni dei circa 300mila docenti in Graduatoria ad esaurimento e in graduatorie d’istituto, da realizzarsi tramite l’ampliamento degli organici e attraverso la cancellazione della norma Tremonti e Gelmini. Il progetto è contenuto nelle “Sette proposte per la scuola” che verranno presentate il 27 febbraio dal Movimento 5 Stelle, attraverso una conferenza stampa a Roma e un’iniziativa a Napoli.

Il documento è confluito in un una proposta di legge recante “Modifiche al testo unico delle disposizioni legislative vigenti in materia di istruzione, relative alle scuole di ogni ordine e grado, di cui al decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, e altre norme in materia di reclutamento del personale docente della scuola”: all’interno del PdL, che ha come prima firmataria l’on. Silvia Chimienti, oltre che di reclutamento docenti, si parla anche di altri argomenti collegati agli organici, come l’edilizia scolastica e l’innalzamento del numero di alunni per classe.

Icotea

I “grillini”, infatti, si soffermano sul fatto che la riforma Gelmini, attraverso la Legge 133 del 2008, ha generato il fenomeno delle classi pollaio: punti centrali della proposta, oltre che il reclutamento, sono la fissazione del numero massimo di alunni per classe a 22, la reintroduzione del tempo pieno nella scuola primaria e incentivi al part-time per i docenti con anzianità di servizio di almeno 25 anni.
“Il mondo della scuola – ci spiega la prima firmataria del Progetto di Legge, l’on. Chimienti – ha bisogno di un progetto a lungo termine, di una visione. Non si può andare avanti con piccole o grandi toppe da piazzare qua e là, come avvenuto negli ultimi 20 anni.La nostra proposta va esattamente in questa direzione”.

Poi dal 2020, propone sempre la proposta del M5S, si procederà ad un nuovo e rivoluzionario sistema di formazione e reclutamento che impedisca il ricrearsi delle sacche di precariato: “abbiamo stimato – spiega Chimienti – un costo di circa 4 miliardi a regime e intendiamo reperire risorse aggiuntive e non procedere a nuovi tagli al comparto istruzione, come avvenuto nella legge di Stabilità 2014 per la creazione del fondo della Buona Scuola”.

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola

 

PdL M5S: modifiche al testo unico sul reclutamento del personale docente