Home Alunni La dispersione in Sicilia in lieve calo

La dispersione in Sicilia in lieve calo

CONDIVIDI
webaccademia 2020

L’Osservatorio sulla dispersione scolastica dell’Ufficio scolastico regionale della Sicilia, in occasione della visita del sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone, fa sapere che in  Sicilia, nell’ultimo triennio, è calata di poco la dispersione scolastica: insufficiente però a levarle il consolidato primato.

La lieve flessione registrata nelle scuole di secondo grado è frutto di un lavoro fatto nelle scuole più a rischio delle città. L’indice di dispersione scolastica tiene conto dei dati su evasione, abbandoni, bocciature e frequenze irregolari.

Le performance migliori si registrano nelle scuole elementari e in quelle dell’infanzia.

ICOTEA_19_dentro articolo

Secondo i dati dell’Usr si registra un calo dell’1,13% nelle scuole secondarie di primo grado, dove l’indice di dispersione tra il 2012 e il 2015 passa dal 6,61% al 5,48; mentre diminuisce dello 0,88% nelle scuole secondarie di secondo grado e dello 0,11% nelle scuola primaria.

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

Parole di circostanza e soddisfazione per questo risultato se ne sono dette, ma sembrano pelose, anche perché i veri risultati stanno a monte e cioè nella situazione economica della Sicilia. E infatti, secondo l’Usr la dispersione si riscontra soprattutto nelle aree a rischio deprivazione sociale e culturale e a rischio criminalità; il contesto socio economico, poi, influisce sulla scolarizzazione e contribuisce ad abbassare la media regionale, dato che il Sicilia esistono punte di eccellenza e sacche di derivazione.

Preparazione concorso ordinario inglese