Home Archivio storico 1998-2013 Ordinamento La Fondazione “Agnelli” giudica gli I.T. calabresi molto qualificati

La Fondazione “Agnelli” giudica gli I.T. calabresi molto qualificati

CONDIVIDI
  • GUERINI

Partendo dalla premessa che ogni anno le aziende italiane richiedono trecentomila diplomati dagli istituti tecnici e professionali, che però ne riescono a preparare in tutto il Paese al massimo centotrentamila, nasce un problema, nazionale e regionale, di domanda e offerta lavorativa. 
L’aumento delle iscrizioni negli istituti tecnici è uno degli obiettivi prioritari riportati nel "Libro verde sulla scuola in Calabria", un progetto aperto al dibattito fra tutti i soggetti che operano nel mondo della scuola calabrese, per individuare le linee di sviluppo dell’istruzione in questa regione. 
Partendo da un’attenta analisi dell’esistente, l’istruzione calabrese vuole individuare obiettivi ambiziosi e sfide strategiche nelle quali poter coinvolgere tutti gli attori interessati alla realizzazione di una scuola con standard europei. 
La finalità del documento “Libro verde sulla scuola“ è quella di affrontare la formazione come investimento produttivo e come tema centrale dello sviluppo della società calabrese, avviando un dialogo continuo e dinamico con tutte le componenti sociali e istituzionali.
Quindi nonostante alcune derive estremiste e scissioniste di alcune zone del nord Italia, che vorrebbero l’annullamento dell’euro e il conseguente disfacimento dell’unità nazionale, esiste l’impegno di una regione meridionale, che progetta il miglioramento di quelle competenze tecniche, utili all’intero sistema economico-produttivo del nostro Paese.