Home Didattica La matematica al servizio di James Bond

La matematica al servizio di James Bond

CONDIVIDI
webaccademia 2020

È possibile che la matematica, quella così ostica per la gran parte degli studenti, diventi la famosa licenza di 007 per risolvere casi investigativi intricati e magari inusuali? Pare di si ed è infatti questo  l’obiettivo degli studenti di due scuole genovesi, l’istituto comprensivo di Recco e il liceo scientifico Lanfranconi, selezionati per partecipare al progetto “Promozione di ambienti di apprendimento laboratoriali: Il mondo dà i numeri”. E se i numeri sono tanti importanti perfino nel campi dove Sherlock Holmes primeggiava col suo straordinario intuito che ben vengano e che ben entrino a scuola come sta dimostrando il programma per l’utilizzo delle nuove tecnologie in classe promosso da una multinazionale dell’elettronica all’interno di un protocollo d’intesa col Ministero dell’Istruzione.

Applicare i modelli matematici alle scienze forensi, è una disciplina volta a risolvere casi investigativi che, negli ultimi anni, hanno guadagnato popolarità grazie a serie tv.

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

ICOTEA_19_dentro articolo

{loadposition bonus}

TUTTE LE NOTIZIE SUL CONCORSO ANCHE SU TELEGRAM!

Come è possibile identificare le persone attraverso l’analisi della voce? Come si fa a stabilire l’ora di un decesso? Prendendo spunto da situazioni simulate, insegnanti e studenti esplorano alcuni fenomeni scientifici che possono rivelarsi utili agli investigatori per analizzare situazioni complesse. E se Pitagora si servì della matematica per descrivere il mondo, perché non servirsene per descrivere gli ambienti dove lambiccava persino Auguste Dupin, il primo grande detective della letteratura?

Preparazione concorso ordinario inglese