Home Mobilità La rabbia dei docenti siciliani: lasciateci nella nostra terra!

La rabbia dei docenti siciliani: lasciateci nella nostra terra!

CONDIVIDI
  • Credion

Come racconta il portale d’informazione http://catania.livesicilia.it/, questa mattina, a Catania in via Etnea, un folto gruppo di insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado ha protestato contro il trasferimento in scuole del nord Italia, manifestando il proprio sdegno al coro di “Vergogna!”.

Una manifestazione nata spontaneamente volta a difendere il diritto all’impiego nel proprio territorio di appartenenza.

Icotea

 

 

{loadposition bonus}

 

“Il primo settembre settembre 7.000 famiglie verranno smembrate, non abbiamo i mezzi economici per poter sostenere un tale cambiamento” – spiega una manifestante – che racconta: “Le strategie per rimanere a casa nostra ci sono: esiste in tutta Italia il tempo pieno, il potenziamento e si potrebbero abolire le cosiddette classi pollaio, con troppi alunni”.

Gli insegnanti hanno raggiunto la Prefettura e chiesto un incontro con il Prefetto poiché, sostengono: “I politici si sono limitati a dire che non ci sono posti in Sicilia, senza utilizzare i mezzi risolutivi che hanno a disposizione, lasciando che 7.000 famiglie portino il loro reddito altrove. Per questo chiediamo che vengano ascoltate le nostre proposte e che si intervenga immediatamente”.

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola