Home Alunni La “Tecnologia pervasiva” pervade la maggioranza dei maturandi

La “Tecnologia pervasiva” pervade la maggioranza dei maturandi

CONDIVIDI

Il Miur pubblica le rilevazioni su un campione di 400 istituti al termine della prima prova scritta di Italiano di oggi e si scopre che il 28,5% dei candidati, quasi un terzo, ha scelto la prova che ha suscitato qualche perplessità intorno al concetto di “pervasività”, risultando così la più scelta in quasi tutti i percorsi di studio con un picco di preferenze (34%) negli Istituti tecnici.
Quando si dice allora che l’errore paga, bisogna ammettere che non è sempre così, visto che il pervasivo della tecnologia ha pervaso, ossia si è diffuso in maniera penetrante fino a dominare e a prevalere nella maggioranza dei candidati.
 L'”immersivo” invece, quello che sarebbe stato, come termine, più pertinente al tema tecnologico, ha subito l’emersione in senso pervasivo.

Al secondo posto, con il 17,7% delle preferenze, c’è il tema di ordine generale “Il rammendo delle periferie”, che prende spunto da un articolo dell’architetto e senatore a vita Renzo Piano.
Terzo, a pochissima distanza, il saggio breve di ambito Artistico-Letterario “Il dono”, scelto dal 17% dei maturandi.
A seguire (15,5% delle preferenze) il saggio di ambito Storico-Politico “Violenza e non violenza: due volti del Novecento”.
E’ stato svolto dal 13,3% dei candidati il saggio di ambito Socio-Economico “Le nuove responsabilità”.
L’analisi della poesia di Salvatore Quasimodo, “Ride la gazza, nera sugli aranci”, ha totalizzato il 4,2% delle preferenze, mentre il meno scelto risulta essere (3,8% delle preferenze) il tema storico “L’Europa del 1914 e l’Europa del 2014: quali le differenze?”.
Segnale dunque che ai ragazzi dell’Europa interessa poco, così come è stato rilevato anche da un intervento su questo portale.
Solo nell’Istruzione Artistica la traccia sulla tecnologia è superata di poco da quella sul dono.

Icotea

Report Prima prova