Home Archivio storico 1998-2013 Attività parlamentare La UE lancia “Opening up Education”

La UE lancia “Opening up Education”

CONDIVIDI
  • Credion

Il progetto, patrocinato dalla commissaria per l’Istruzione Androulla Vassiliou e da Neelie Kroes, vicepresidente della Commissione Europea e responsabile per l’Agenda Digitale, si pone di raggiungere tre obiettivi primari: promuovere l’innovazione degli istituti creando nuove opportunità per docenti e studenti, favorire le risorse educative aperte (REA/OER) e migliorare le infrastrutture TIC e la connettività nelle scuole.
Le cifre sull’istruzione digitale in Europa non sono ancora brillanti, con più del 60% dei bambini che frequenta scuole prive di tecnologia digitale e il 70% degli insegnanti che ammette di sentirsi inadeguato e chiede iniziative di formazione in materia.
Insieme al progetto nasce anche il nuovo sito Web “Open Education Europa”, una piattaforma di incontro per gli studenti, gli operatori del settore e le stesse scuole per condividere risorse educative libere. È la commissaria Vassiliou a sottolineare l’importanza dell’istruzione digitale per favorire l’occupazione e dare nuovo slancio all’imprenditoria:
«Il contesto dell’istruzione sta mutando radicalmente, dalla scuola all’università e oltre: a breve un’istruzione basata sulla tecnologia aperta sarà “necessaria” e non solo “auspicabile”, e questo vale per tutte le fasce d’età. Dobbiamo fare di più per garantire che in particolare i giovani siano dotati delle competenze digitali necessarie per il loro futuro. Non è sufficiente capire come utilizzare un’applicazione o programma; abbiamo bisogno di giovani che siano in grado di creare i propri programmi. Opening up Education mira ad aprire le menti a nuove metodologie di apprendimento per far sì che le persone abbiano maggiori possibilità di trovare un impiego, siano più creative, orientate all’innovazione e sviluppino maggiori capacità imprenditoriali.»