Home I lettori ci scrivono #labuonascuola: il web ha scelto qual è la priorità

#labuonascuola: il web ha scelto qual è la priorità

CONDIVIDI
  • Credion

Esattamente un mese fa, sul sito del Ministero dell’Istruzione Labuonascuola.gov.it, veniva pubblicata la proposta di Alex Menietti, giornalista e autore del libro “I diritti degli studenti della scuola superiore”. L’idea è semplice: creare un sistema d’informazione per gli studenti in merito ai loro diritti, per renderli più attivi e responsabili all’interno della scuola.

Su #labuonascuola quest’idea ha raccolto più apprezzamenti di qualsiasi altra proposta e, negli ultimi anni, proprio a causa della difficoltà che studenti e famiglie incontrano abitualmente nel far rispettare i propri diritti, è dovuto intervenire il Ministero dell’Istruzione per riportare sulla retta via alcuni Dirigenti Scolastici “furbetti”. 

Icotea

Per capire meglio il riferimento, si può leggere la proposta pubblicata sul sito La Buona Scuola (link)

“Il contributo scolastico, previsto dalla legge come volontario, ha richiesto per due volte l’intervento del ministero, con apposita circolare, per evitare che le scuole lo richiedessero come tassa obbligatoria. Nonostante questo, ancora oggi molte scuole continuano a richiederlo: per chi non lo paga, spesso niente visite d’istruzione o pagella a fine anno. Perché accade questo? Perché gli studenti e le loro famiglie non sono informati sui propri diritti. Il ministero potrebbe semplicemente fornire una guida che presenti le principali leggi in questo ambito, anche in formato elettronico, ottenendo quindi un importante successo a costo zero, sull’esempio del libro “I diritti degli studenti della scuola superiore””

Più di 2300 “mi piace” hanno fatto rimbalzare la proposta su tutti i social network, tanto da essere stata retwittata anche da importanti dirigenti della pubblica amministrazione (link).

“Talvolta mi chiedono in cosa differisca la mia idea dal portale IoStudio già creato dal Ministero – racconta Alex Menietti – Semplice: più contenuti, più aggiornamenti e azzeramento dei costi da sostenere. Non credete sia possibile? Leggete il mio libro riguardo i diritti degli studenti: è gratis, sempre aggiornato e scaricato già da migliaia di ragazzi e genitori. Dimostra che un progetto simile non solo è possibile, ma dovrebbe essere considerato una priorità da chi si occupa di scuola e di giovani”.