Home Archivio storico 1998-2013 Generico Le imprese venete cercano tecnici e ingegneri

Le imprese venete cercano tecnici e ingegneri

CONDIVIDI

In Veneto, dove su 141.500 assunzioni programmate tra aprile-giugno 2018, 10.452 sono di difficile reperimento, pari cioè al 23,2%.

I picchi di richiesta però sono da riferire al 54,2% per tecnici ingegneristici e della produzione, del 39,4% per operai specializzati meccanici, meccatronici, i più ambiti dalle imprese ma pressochè introvabili e con l’offerta scolastica in affanno a tener dietro.

Il divario è tra domanda e offerta

«Il divario tra domanda e offerta di lavoro in Veneto ormai è strutturale. Le imprese hanno investito in tecnologie, anche grazie a Industria 4.0, ma per crescere non bastano macchine all’avanguardia se poi mancano le persone in grado di usarle, gestirle e innovarle- si legge sul Sole 24 Ore. Per questo abbiamo deciso di attivarci con un progetto rivolto al territorio con l’obiettivo di comunicare meglio a giovani, famiglie e scuola quali sono le competenze di cui l’industria ha bisogno, dall’altro di dare una risposta concreta al mismatch, rivolgendoci anche ad altre regioni del Centro-Sud. Profili tecnici come quello del manutentore, sono figure chiave per le Pmi, subito assorbite dal mercato dopo la scuola. Le aziende cercano giovani con una base tecnica ma da formare poi in modo specifico e far crescere in azienda, motivati e disposti a mettersi in gioco. Al Sud abbiamo trovato una risposta molto buona e una forte motivazione. Perciò continueremo ad investire progettualità e risorse per la ricerca di tecnici e ingegneri, nel territorio e anche attraverso la mobilità da altre regioni, e lavorando in rete con gli altri soggetti, pubblici e privati, in una logica di welfare territoriale. L’auspicio è che a questo sforzo seguano risposte su stabilità delle norme, sburocratizzazione, potenziamento dell’alternanza scuola-lavoro e poi taglio del cuneo fiscale».

ICOTEA_19_dentro articolo