Home Archivio storico 1998-2013 Riforme Le nuove prospettive degli Its: a colloquio con Raimondo Mauro, dirigente Miur

Le nuove prospettive degli Its: a colloquio con Raimondo Mauro, dirigente Miur

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Cosa sono dunque gli Its? Sono “scuole speciali di tecnologia”, alternative all’università, con lo scopo di formare tecnici specializzati in aree tecnologiche strategiche per l’economia attuale. Durano due anni, suddivisi in quattro semestri, e hanno un costo che si aggira intorno a qualche centinaia di euro, molto meno di quanto si paga per le rette universitarie.
La didattica è fortemente orientata al mercato del lavoro. Le classi prevedono pochi studenti, il 30% delle ore è riservato a stage in azienda e il 50% dei docenti proviene direttamente dal mondo delle professioni. 
In questo modo gli studenti hanno l’opportunità di farsi conoscere direttamente dalle società che potrebbero decidere, un giorno, di assumerli e imparano ciò di cui effettivamente un’azienda ha bisogno.
Tuttavia, sottolinea Skuola.net, quello che il dottor Murano ha sottolineato è la rigida selezione dei corsi. Alla fine di ogni biennio, il Miur esamina i risultati del corso per decidere se concedere nuovi finanziamenti: uno dei parametri più importanti è che il 90% degli studenti riesca a trovare una occupazione entro un anno dalla conclusione del biennio di ITS. Questo eviterà di incrementare ulteriormente la disoccupazione di giovani preparati in settori in cui non c’è bisogno di personale.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese