Home Alunni Le scolare non si sentono ascoltate. Insicure e pessimiste

Le scolare non si sentono ascoltate. Insicure e pessimiste

CONDIVIDI

Le ragazze tra  i 17 e i 19 anni, secondo  una ricerca dell’università La Sapienza, sarebbero più  insicure dei loro coetanei, più pessimiste sul futuro e soprattutto frenate dalla sensazione che la loro voce non sia ascoltata.

Ma non solo. Avrebbero pure meno fiducia nella possibilità che il mondo del lavoro offra loro spazi per mettersi alla prova rispetto agli studenti della stessa età. Soprattutto quelle del sud percepiscono più forte la mancanza di considerazione.

Cosa fare dopo la scuola?

Tutti però, sia ragazzi che ragazze, hanno più dubbi che negli anni passati su cosa fare dopo la scuola.

ICOTEA_19_dentro articolo

Il 5,5% in più, rispetto ai coetanei dell’anno prima, pensa di non iscriversi a un corso di laurea dopo la maturità.

Gli interessi personale come obiettivo

Per quanto riguarda la facoltà, gli studenti scelgono più in base agli interessi personali che alle prospettive di lavoro. I giovani sono molto più impegnati che in passato nelle associazioni: si è passati dal 10% del 2016 al 24% nel 2019. Un fatto molto positivo, secondo i ricercatori.

Un futuro migliore

Solo il 48% però ritiene che il proprio futuro sarà migliore di quello dei propri genitori, ma la maggioranza, il 54% ritiene che ai propri figli andrà meglio. Questi ragazzi sembrano percepirsi quasi come una “generazione di mezzo”, di passaggio fra l’era del welfare e quella della digitalizzazione delle professioni.

In aumento i bocciati a scuola, il 2% in più dell’anno scolastico precedente. Quelli respinti almeno una volta sono il 10% degli intervistati, l’84 per cento sempre promossi.