Home Attualità Legge di Bilancio, concorso più agile per gli insegnanti di sostegno tra...

Legge di Bilancio, concorso più agile per gli insegnanti di sostegno tra le misure per istruzione e cultura

CONDIVIDI
  • Credion

Il lavoro svolto dal Parlamento sulla legge di bilancio ci consente di portare a casa nuove misure significative sia per il settore dell’istruzione che per quello culturale, in aggiunta agli importanti investimenti già previsti dal Governo”. 

Lo dichiarano in una nota congiunta i parlamentari del M5S nelle Commissioni di Camera e Senato. 

Icotea

Evidenziano, tra i provvedimenti approvati ieri in commissione Bilancio,  per quanto riguarda la scuola, la previsione di un concorso più agile,  su base regionale, per gli insegnanti di sostegno, una  disposizione resasi necessaria  per il reclutamento di 25.000 insegnanti di sostegno nei prossimi tre anni, come annunciato  dalla Ministra Azzolina. 

Ricordiamo inoltre”, proseguono i parlamentari pentastellati, “la modifica dei parametri minimi del dimensionamento scolastico, che consente di adeguare il numero dei dirigenti alla presenza, sempre minore, di alunni e impedisce così che aumentino le reggenze d’ufficio. Importanti anche l’eliminazione dei limiti allo scorrimento delle graduatorie del concorso per DSGA, la previsione di risorse adeguate per svolgere in sicurezza gli esami di maturità e di terza media il prossimo anno” .

Sarà anche  previsto un incremento di 1 milione di euro  per le istituzioni AFAM, al fine di migliorare la formazione e l’inclusione degli studenti con disabilità. 

Per quanto riguarda l’Università e la  Ricerca, è  previsto un sostegno nel pagamento degli affitti per gli studenti fuori sede a basso reddito e portando  termine il processo di stabilizzazione di centinaia di ricercatori all’interno di enti pubblici. “Non viene meno”, aggiungono in conclusione i rappresentanti  pentastellati di Camera e Senato, “l’impegno per aiutare il comparto culturale, soprattutto in questa fase difficilissima di emergenza. Prosegue infatti, anche in questa manovra, il sostegno ai piccoli musei, destinando 1 milione per la digitalizzazione del loro patrimonio  in aggiunta al fondo di 2 milioni già previsto nella scorsa manovra  e quello a cori, bande, festival e musica jazz con uno stanziamento di 3 milioni per il 2021“.