Home Politica scolastica Legge Stabilità, bonus nido 1.000 euro a tutte le famiglie: cade emendamento...

Legge Stabilità, bonus nido 1.000 euro a tutte le famiglie: cade emendamento PD su tetto Isee

CONDIVIDI

La Legge di Stabilità che si sta approvando in questi giorni alla Camera, contiene un novità: il bonus nido da 1.000 euro rivolto a tutte le famiglie.

Senza alcun limite di reddito, come invece avrebbe voluto il Pd che ha presentato un emendamento (bocciato) con tetto Isee fissato a 25mila euro.

Icotea

La differenza non è da poco: anche in passato, infatti, il bonus era limitato a chi dimostrava di avere un tetto Isee anche abbastanza ridotto.

Qualche clausola, però, rimane: chi vorrà richiedere il bonus dovrà, ad esempio, presentare, oltre all’attestato di iscrizione, anche le ricevute del pagamento delle rette, in modo da dimostrare l’effettiva frequenza dell’asilo ed avere diritto ai 1.000 euro annuali.

Tra i beneficiari ci sono anche ai bambini malati che hanno necessità di assistenza domiciliare e che quindi all’asilo non ci vanno, ma restano a casa e lì hanno bisogno di sostegno e supporto. La norma è stata introdotta grazie all’approvazione dell’emendamento che ha come primo firmatario l’onorevole Paola Binetti (Area Popolare) che si batte in difesa di tutte le famiglie.

 

{loadposition eb-lezioni-simulate}

 

Nel capitolo famiglia, viene anche delimitato il Fondo di sostegno alla natalità istituito per garantire l’accesso al credito dei nuclei con uno o più figli, d’ora in poi riservato solo alle famiglie con bambini nati o adottati “a decorrere dal primo gennaio 2017”.

Del tutto accantonato invece l’articolo sul bonus mamma, che dovrebbe essere materia di confronto al Senato, dopo il voto sul referendum. Come per il bonus nido, il Pd ha infatti proposto di introdurre un tetto Isee, sollevando le barricate di Area Popolare, principale sponsor della norma, commenta l’Ansa,

Inoltre, i 100 milioni previsti dal 2016 per l’attuazione dell’alternanza scuola-lavoro andranno ripartiti anche tra le scuole paritarie e quelle degli enti locali.

La no tax area per gli studenti universitari, infine, si allarga anche al primo anno fuori corso e alle lauree magistrali.

 

{loadposition eb-progetti}

 

 

{loadposition facebook}