Home Sicurezza ed edilizia scolastica L’indice di sicurezza sismica insufficiente non porta alla chiusura di una scuola

L’indice di sicurezza sismica insufficiente non porta alla chiusura di una scuola

CONDIVIDI

La sentenza 21175/2019 del 15 maggio scorso della VI Sez. Penale della Corte di Cassazione, che ha dichiarato inammissibile il ricorso del Procuratore della Repubblica contro i due sindaci pro-tempore e dell’assessore ai lavori pubblici di un comune emiliano, in merito alla mancata chiusura di una scuola materna con indice di rischio sismico pari a 0,26 (di gran lunga inferiore al limite minimo di 0,6 previsto dalle NCT 2018 con riguardo a interventi di miglioramento sismico su edifici esistenti), è rilevante e merita una analisi approfondita.

Iniziamo con il dire che con questa sentenza la Corte suprema dichiara non colpevoli i due sindaci pro-tempore e l’assessore ai lavori pubblici, che avevano omesso di dichiarare l’inagibilità nonché di provvedere all’immediata chiusura della stessa previa adozione di ordinanza contingibile e urgente ex art. 54 del TUEL, in quanto la normativa vigente non impone l’obbligatorietà della messa fuori servizio dell’immobile non appena se ne riscontri l’inadeguatezza.

Per tale motivo i proprietari, pubblici o privati, sono chiamati a definire e programmare i provvedimenti più idonei per scongiurare ogni pericolo.

ICOTEA_19_dentro articolo

Pertanto l’indice di sicurezza sismica, di per sé, non può portare alla chiusura immediata di una scuola, anche se non rientra nei parametri.

A tal riguardo si ricorda che le NTC 2018 individuano gli indici minimi di vulnerabilità sismica che dovranno essere raggiunti in caso di miglioramento degli immobili storici e di adeguamento degli edifici scolastici esistenti.

Le nuove NTC (decreto del Ministero delle Infrastrutture 17 gennaio 2018) oltre agli indici minimi di vulnerabilità sismica per le scuole esistenti e gli edifici storici, riguardano i criteri generali tecnico costruttivi per la progettazione, esecuzione e collaudo degli edifici e per il loro consolidamento, i criteri generali per la verifica di sicurezza delle costruzioni, le indagini sui terreni e sulle rocce e le precisazioni tecniche per la progettazione, esecuzione e collaudo delle opere di sostegno delle terre e delle opere di fondazione; i criteri generali e le precisazioni tecniche per la progettazione, esecuzione e collaudo di opere speciali e la protezione delle costruzioni dagli incendi.

CONDIVIDI