Home Sicurezza ed edilizia scolastica M5S, con scuole belle sprecati 450 milioni e personale in ostaggio

M5S, con scuole belle sprecati 450 milioni e personale in ostaggio

CONDIVIDI

“Continuando a finanziare l’operazione ‘Scuole Belle’ il governo sta facendo un doppio danno: da un lato tiene in ostaggio i lavoratori del mondo della scuola e dall’altra, esternalizzando gli appalti di pulizia e vigilanza, continua a sprecare denaro pubblico che, invece, potrebbe essere destinato all’edilizia edilizia scolastica, contro il rischio idrogeologico e per l’adeguamento antisismico. Ma l’esecutivo preferisce continuare a foraggiare il ‘cartello’ di cooperative e aziende che gestiscono l’esternalizzazione e che, secondo una nostra stima, ci stanno costando 450 milioni di fondi pubblici”.

Lo affermano i parlamentari M5S in commissione Cultura di Camera e Senato commentando la manifestazione di addetti al servizio in appalto di pulizie e decoro della scuola, indetta oggi dall’Usb a Piazza Montecitorio

Icotea

“Per scrivere la parola ‘fine’ al precariato che da 20 anni affligge il personale ATA e i precari storici delle ditte di pulizia chiediamo da tempo l’approvazione della proposta di legge M5S a prima firma Maria Marzana, che prevede l’internalizzazione dei lavoratori e libera 12mila posti. Ma, invece di procedere con questa operazione di buonsenso, il governo ha in mentre altri tagli che colpiranno assistenti amministrativi e collaboratori scolastici: con lo schema di decreto arrivato in Commissione Cultura si decide il sottodimensionamento del personale ATA di altre 2020 unità”.