Home Estero Maggiori sforzi per l’istruzione e l’occupazione dei rom

Maggiori sforzi per l’istruzione e l’occupazione dei rom

CONDIVIDI

Nel “documento di valutazione” pubblicato dalla Commissione Ue che esamina “il modo in cui gli Stati membri attuano le rispettive strategie nazionali di integrazione” delle popolazioni rom, si legge: “La situazione sta lentamente migliorando”, ma “l’80% dei rom è ancora a rischio di povertà”.

 “Si nota una maggiore partecipazione dei rom all’istruzione per la prima infanzia e un calo del tasso di abbandono scolastico”. Eppure resta il problema dell’indigenza, che spesso porta all’esclusione sociale.

Icotea

Il primo vicepresidente della Commissione commenta: “L’Ue si fonda sui valori della tolleranza e dell’uguaglianza. Tali valori però di fatto non sono ancora riconosciuti a tutti i cittadini europei e questo è inaccettabile. Se vogliamo porre fine ai pregiudizi, alla segregazione e alle discriminazioni di cui ancora oggi i rom sono vittime è necessario che gli Stati membri accelerino gli sforzi per migliorare l’integrazione di tali persone”.

 

{loadposition carta-docente}

 

La commissaria per la giustizia, a sua volta, afferma: “Con il sostegno della Commissione, i governi dell’Ue hanno sviluppato strategie per integrare i rom. Si tratta di un passo importante, ma è solo un primo passo. Il settore più importante è senz’altro l’istruzione. I minori rom dovrebbero poter accedere alle scuole esattamente come gli altri ragazzi”.