Home Alunni Mascherina a scuola, Consiglio di Stato: no all’obbligo se c’è difetto di...

Mascherina a scuola, Consiglio di Stato: no all’obbligo se c’è difetto di ossigenazione [DECRETO]

CONDIVIDI

Deve essere sospeso l’obbligo di indossare la mascherina da parte di un alunno che abbia certificato problemi di difetto di ossigenazione per l’uso prolungato del dispositivo di protezione individuale durante tutto l’orario di lezione, essendo il pericolo di affaticamento respiratorio – in mancanza di una costante verificabilità con saturimetro – troppo grave e immediato.

Lo ha deciso il Consiglio di Stato, con decreto n. 304 del 26 gennaio 2020.

Icotea

DECRETO CONSIGLIO DI STATO

Nel caso posto all’attenzione del giudice, la minore, rappresentata dai genitori, aveva documentato con certificati medici, ripetutamente, problemi di difetto di ossigenazione per l’uso prolungato del DPI durante tutto l’orario di lezione.

Inoltre, nella classe frequentata dalla minore, non risulta – o comunque dagli atti non risulta – essere disponibile neppure un apparecchio di controllo della ossigenazione – saturimetro, strumento di costo minimo e semplicissima utilizzabilità in casi come quello prospettato, ad opera di ogni insegnante, per intervenire ai primissimi segnali di difficoltà di respirazione con DPI da parte del giovanissimo alunno.

Quindi, nelle more della camera di consiglio già fissata innanzi al T.A.R., il Consiglio di Stato ha deciso che alla minore non possa essere imposto l’uso del DPI per la durata delle lezioni, essendo il pericolo di affaticamento respiratorio – in mancanza di una costante verificabilità con saturimetro – troppo grave e immediato, né ovviamente si può ipotizzare una sospensione, sino alla decisione cautelare del T.A.R., del diritto costituzionalmente tutelato della giovane allieva di frequentare il corso scolastico.