Home Sicurezza ed edilizia scolastica Mascherine a scuola, CTS: sconsigliato l’uso prolungato delle FFP2

Mascherine a scuola, CTS: sconsigliato l’uso prolungato delle FFP2

CONDIVIDI

Il Comitato tecnico scientifico, interpellato dal Ministero, ha espresso parere contrario circa l’ipotesi di prescrivere l’impiego dei dispositivi del tipo FFP2 da parte degli studenti, considerandone non consigliabile l’uso prolungato.

Lo ha fatto sapere il MI, con nota 698 del 6 maggio 2021, concernente “Profilassi vaccinale in favore del personale scolastico, docente e non docente. Mascherine FFP2. Piani di sicurezza – Aggiornamenti in tema di emergenza Covid-19”.

Icotea

NOTA 698/2021

Ovviamente, nulla cambia in merito all’uso della mascherina, che resta obbligatoria nei locali scolastici delle scuole primarie e secondarie di I e II grado.

Mascherine chirurgiche

Le mascherine chirurgiche hanno lo scopo di evitare che chi le indossa contamini l’ambiente, in quanto limitano la trasmissione di agenti infettivi.

Le mascherine chirurgiche, per essere sicure, devono essere prodotte nel rispetto della norma tecnica UNI EN 14683:2019 che prevede caratteristiche e metodi di prova, indicando i requisiti di:

  • resistenza a schizzi liquidi
  • traspirabilità
  • efficienza di filtrazione batterica
  • pulizia da microbi.

La norma tecnica di riferimento UNI EN ISO 10993-1:2010 ha carattere generale per i dispositivi medici e prevede valutazione e prove all’interno di un processo di gestione del rischio.

Mascherine FFP2 e FFP3

I facciali filtranti (mascherine FFP2 e FFP3) sono utilizzati in ambiente ospedaliero e assistenziale per proteggere l’utilizzatore da agenti esterni (anche da trasmissione di infezioni da goccioline e aerosol), sono certificati ai sensi di quanto previsto dal D.lgs. n. 475/1992 e sulla base di norme tecniche armonizzate.

Select the widget you want to show.