Home Attualità Matteo Renzi si dimette. I 1.017 giorni del suo governo (video)

Matteo Renzi si dimette. I 1.017 giorni del suo governo (video)

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Il governo Renzi è in carica da 1.017 giorni. Dopo la sconfitta subita al referendum costituzionale, Matteo Renzi ha annunciato che si recherà al Quirinale da Sergio Mattarella per rassegnare le sue dimissioni.  L’incarico ufficiale di formare un governo è stato conferito a Matteo Renzi dall’allora presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il 17 febbraio del 2014.

Il suo governo è il quarto esecutivo più longevo della storia della Repubblica italiana, dopo due diversi governi Berlusconi, che hanno superato i mille giorni.

 

ICOTEA_19_dentro articolo

Questi, in numeri, i primi 1.000 giorni del governo Renzi: (fonte AGI)

 

– PIL: +1,6% dal pirmo trimestre 2014 al terzo trimestre 2016.

– Rapporto deficit/pil: -0,4% dal primo trimestre 2014 al secondo trimestre 2016.

– Debito pubblico: -43 miliardi (agosto e settembre 2016).

– Consumi famiglie: +3% dal primo trimestre 2014 al secondo trimestre 2016.

– Occupati totali: +656mila da febbraio 2014 a settembre 2016.

– Occupati dipendenti permanenti: +487mila da febbraio 2014 a settembre 2016.

– Inattivi: -665mila da febbraio 2014 a settembre 2016.

– Tasso disoccupazione: -1,1% da febbraio 2014 a settembre 2016.

– Tasso disoccupazione giovanile: -5,9% da febbraio 2014 a settembre 2016.

– Produzione industriale: +2,3% da febbraio 2014 a settembre 2016.

– Export: +7,4% da febbraio 2014 a settembre 2016.

– Bilancia commerciale: +18,3 mld da febbraio 2014 a settembre 2016.

– Fiducia consumatori: +13,4% da febbraio 2014 a settembre 2016.

– Procedure di infrazione con la Commissione Ue: -47 (da 119 a 72) da febbraio 2014 a settembre 2016.

– Adozione decreti attuativi: +32% da febbraio 2014 a settembre 2016. 

 

 

I maggiori provvedimenti adottati dal governo Renzi  (fonte AGI)

  • Jobs Act (riforma del lavoro)
  • Stop Irap e taglio dell’Ires
  • 80 euro per 11 milioni di italiani che guadagnano meno di 1.500 euro al mese
  • 80 euro in più al comparto sicurezza
  • Riduzione del canone Rai da 113 euro del 2015 a 100 euro del 2016 che diventeranno 95 nel 2017 e si paga direttamente nella bolletta della luce.
  • Abolizione della tassa sulla prima casa, Imu e Tasi
  • Abolizione di Equitalia, dal 30 giugno 2017
  • Stop tasse agricole, 1,3 miliardi in meno
  • Processo civile telematico
  • Banda ultralarga e crescita digitale
  • Unioni civili
  • Divorzio breve
  • Norme per la non autosufficienza
  • Legge sul ‘Dopo di noi’
  • Riforma Terzo settore e servizio civile
  • Legge contro il caporalato
  • Bonus bebè di 960 euro l’anno per ogni nuovo nato per 3 anni
  • Aumento pensioni minime da un minimo di 100 euro a un massimo di 500
  • Riforma del cinema e audiovisivo
  • Riforma La Buona scuola
  • 18App, 500 euro per tutti i giovani che compiono 18 anni nel 2016
  • Legge contro i reati ambientali
  • Reato di depistaggio
  • Tetto stipendi Pubblica amministrazione a 240 mila euro. 

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese