Home Attualità Maturità 2019, addio alla vecchia versione di latino e greco

Maturità 2019, addio alla vecchia versione di latino e greco

CONDIVIDI

Cambiamenti di portata epocale per la maturità 2019. Nella giornata di lunedì, il Miur ha pubblicato tutti i quadri di riferimento per lo svolgimento degli scritti della nuova Maturità, che debutterà a giugno con le regole previste dal decreto legislativo 62 del 2017.

Le novità per il liceo classico

Tra le novità di rilievo: la versione di latino o greco nella formula in cui siamo abituati a conoscerla va in soffitta e viene affiancata da una versione più completa dal punto di vista degli stralci e arricchita da una batteria di tre quesiti; la commissione dovrà usare una griglia di valutazione standard; la durata sale da 4 a 6 o addirittura a 8 ore.

Ci sarà una versione, un testo in prosa corredato da informazioni sintetiche sull’opera, preceduta e seguita da parti tradotte per consentire la contestualizzazione della parte estrapolata.

In mezzo alla notizia

Seguiranno tre quesiti relativi alla comprensione e interpretazione del brano e alla sua collocazione storico-culturale. Fermo restando che il ministero potrà optare per una prova mista Latino/Greco.

ECCO I QUADRI DI RIFERIMENTO DEL MIUR

LA CIRCOLARE E LE ALTRE INDICAZIONI

 

Maturità 2019, ecco il mix di matematica e fisica nella seconda prova