Home Politica scolastica Maturità 2020, le date si conoscono già. Ecco cosa può cambiare

Maturità 2020, le date si conoscono già. Ecco cosa può cambiare

CONDIVIDI

Il ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti, ha parlato sull’esame di maturità previsto per giugno 2020. L’impostazione dell’Esame di Stato dovrebbe rimanere invariata, ma potrebbe esserci delle novità: via l’obbligatorietà delle prove Invalsi per l’ammissione alla prova finale, mentre sulle famigerate buste il ministro si è limitato a dire, in un’intervista al Corriere della Sera, un “vedremo”.

Maturità 2020: le date e le modalità

Queste sono le date delle prove degli Esami di Stato previste per il 2020.

Maturità Prima prova 2020: 17 giugno alle ore 8:30
Maturità Seconda prova 2020: 18 giugno alle ore 8:30

ICOTEA_19_dentro articolo

Gli orali avranno inizio da lunedì 22 giugno 2020.

L’Esame di Stato continuerà ad essere composto da tre prove:

  • Prima prova composta da 7 tracce a cui rispondono tre tipologie di tema diverso: 2 tracce di Analisi del testo (Tipologia A), 3 tracce di testo argomentativo (Tipologia B) e 2 tracce di Tema di attualità (Tipologia C);
  • Seconda prova multidisciplinare con almeno due materie di indirizzo;
  • Prova orale composta dal sorteggio di una fra tre buste su cui costruire un discorso multidisciplinare e dall’esposizione orale di un elaborato sull’esperienza di alternanza scuola-lavoro;

Punteggio massimo pari a 110/100 e lode totalizzabile attraverso 40 crediti ottenibili nel triennio e 20 punti assegnati per ciascuna prova di esame. Invariata la composizione delle commissioni d’esame (tre docenti esterni, tre interni).