Home Politica scolastica “Maturità 2020 on line“ organizza una raccolta firme online da inviare agli...

“Maturità 2020 on line“ organizza una raccolta firme online da inviare agli enti locali

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Il gruppo Facebook di RTS “Maturità 2020 on line“, creato dal collaboratore della Tecnica della Scuola, Aldo Domenico Ficara, organizza una raccolta firme su moduli Google da inviare Regione per Regione agli organi competenti per territorio quali; Presidenze di regione, Consigli comunali, prefetture etc.

Il testo riguardante la raccolta firme afferma

“Noi docenti, genitori, studenti e personale ATA  delle comunità scolastiche della Regione …………, esprimiamo la nostra preoccupazione per il fatto che, a meno di un mese dall’inizio dell’Esame di Stato, la ministra Azzolina abbia definitivamente deciso di sostenere gli esami di stato in presenza, nonostante l’epidemia di Coronavirus.

ICOTEA_19_dentro articolo

La nostra preoccupazione riguarda il fatto che non sarà in alcun modo possibile essere in condizioni di sicurezza, anche in considerazione che il protocollo di sicurezza prevede una mascherina chirurgica (non per i candidati peraltro), distanza di 2 mt, che sappiamo non essere sufficiente in un’aula in cui si permane per ore. Non vengono nemmeno presi in considerazione gli asintomatici. Non sono previsti test sierologici e si parla di un rischio calcolato, che a nostro avviso non è affatto calcolato.

Le aule scolastiche più grandi sono di circa 25 mq e ogni esame dura circa un’ora, il ché significa una permanenza in aule poco arieggiate con altri 6 commissari per almeno 7 ore al giorno. In aggiunta ci saranno un candidato (senza mascherina) e il testimone per un’ora di esame a rotazione (l’esame prevede 5 candidati al giorno).

I bagni della scuola sono comuni e con un piano di sicurezza così beffardamente studiato, considerato anche che non ci vengono forniti né guanti né altri DPI, saremmo comunque tutti in condizione di rischio, senza poter usufruire del bagno, senza aria condizionata, senza ventilatori.  Anche molti genitori dei ragazzi sono preoccupati, molti abitano in provincia e i ragazzi dovrebbero prendere treni, pullman e mezzi pubblici. La decisione degli esami in presenza suscita perplessità anche tra gli studenti e molti dirigenti, che non vogliono giustamente assumersi la responsabilità penale di un eventuale contagio. Cosa accadrebbe poi se un presidente, un commissario, un alunno, un addetto ATA dovessero ammalarsi? Si bloccherebbe tutto l’esame e finirebbero tutti in quarantena? E fino a quando? Come farebbero i ragazzi che devono iscriversi all’università?  In un periodo in cui anche le Università fanno esami e tesi di laurea online, mi sembra dannoso, anacronistico e poco utile perseguire ostinatamente questa modalità di esame”.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese