Home Precari Messa a disposizione, come e dove presentare la domanda: le info utili

Messa a disposizione, come e dove presentare la domanda: le info utili

CONDIVIDI
webaccademia 2020

laureati non abilitati possono produrre domanda di Messa a disposizione, ovvero possono dare la propria disponibilità a coprire eventuali posti vacanti in qualità di supplenti tramite una semplice istanza da inviare alle scuole.

Infatti, la messa a disposizione, non è altro che una candidatura spontanea al fine di essere chiamati per sostituzioni, supplenze di breve durata e corsi di recupero.

Come presentare la MAD?

La domanda di Messa a disposizione (MAD) deve essere redatta in modo formale e contenere i dati importanti del docente e può essere inviata alle scuole tramite:

ICOTEA_19_dentro articolo

–        PEC

–        Fax

–        Raccomandata A/R

–        Brevi manu

La domanda per essere valida, deve essere inoltrata presso la sede dove è presente il dirigente scolastico e non alle sedi succursali o distaccate in cui lo stesso è reggente.

Inoltre, per scrivere una MAD efficace, è bene indicare con precisione i dati anagrafici, i titoli conseguiti e le esperienze eventuali maturate a scuola, oltre ad indicare la classe di concorso.
Inoltre, consigliamo sempre di allegare alla MAD un CV formato europeo più altre eventuali certificazioni.

Dove posso inviare la MAD?

In realtà, non esiste realmente un territorio con più posti vacanti di un’altra o comunque non esistono reali metodi per quantificare ciò.

In base a quanto ci risulta, al Nord sono molte le richieste di supplenze, specie in Piemonte, Lombardia e Veneto, ma non possiamo certo affermare che in quei territori è decisamente scontato ottenere una supplenza. Si tratta solo di indicazioni di massima, nessuna certezza.

www.messa-a-disposizione.it è l’unica piattaforma totalmente italiana che ti permette di inviare la tua candidatura in tutte le scuole d’Italia senza sostenere costi fissi per ogni provincia: ti basta sottoscrivere l’abbonamento e avrai la possibilità di contattare tutte le oltre 50.000 scuole statali, oltre 10.000 paritarie ed anche le scuole italiane all’estero.

Pubbliredazionale

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese