Home I lettori ci scrivono Ministra Giannini, nulla cambia o tutto cambierà?

Ministra Giannini, nulla cambia o tutto cambierà?

CONDIVIDI
  • Credion

Sono un collaboratore scolastico; le scrivo perché non riesco proprio a capire qual è il progetto del suo ministero sul personale Ata della scuola. 

Mi perdoni, forse dipende da miei limiti intellettivi ,ma proprio non vedo luce sul ruolo degli Ata nella cosiddetta “buona scuola”.

Icotea

La legge 107/2015 menziona il nostro personale soltanto al comma che prevede il limite di tre anni per la reiterazione dei contratti a tempo determinato.

Nulla cambia per noi o tutto cambierà? Certo non ci reputiamo pilastri della scuola, ma siamo pur sempre operatori scolastici che hanno dato il loro contributo nei servizi generali e amministrazione per il buon funzionamento della scuola. 

Ora non solo non mi pare  chiaro il nostro destino, ma i nostri numeri diminuiscono. 

Inoltre la terziarizzazione dei servizi riduce ancora di più le nostre unità (25 per cento delle”organico d’istituto). Mi dica, gentile ministra, con la terziarizzazione dei servizi generali si abbattono i costi del personale Ata sul bilancio della Stato e di quanto?

Mi spieghi, la terziarizzazione dei servizi garantisce risultati efficaci,efficiente economici e in quale modo?

Se l’espletamento delle attività legate ai servizi generali e amministrativi della buona scuola sarà per il futuro affidato ai servizi esterni, non statali, la prego,ce lo dica signora ministra. 

Se così non è, sarebbe davvero importante conoscere come intende collocare gli Ata nella nuova e buona scuola e se intende rivedere e riqualificare i profili professionali di collaboratori scolastici, assistenti amministrativi e tecnici.

Per adesso mi sembra che la sovrapposizione di compiti tra statali e non statali (servizi esterni) stia creando solo confusione, augurandomi che il ministero valuti con i suoi mezzi quanto sia efficiente ed economica questa situazione. 

Gentile ministra, sarebbe bello aver una sua delucidazione, ma non spero tanto ;posso, però, augurarmi che la sua attenzione incontrerà questa mia