Home Politica scolastica Mobilità dei docenti sottratta alla contrattazione?

Mobilità dei docenti sottratta alla contrattazione?

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Le ultime dichiarazioni di Marco Campione, della segreteria del sottosegretario Davide Faraone, fanno pensare non poco.

Campione, infatti, ammette che il problema dell’ “esodo” dei precari è un fenomeno reale e significativo (la sua previsione è di 14mila docenti che potrebbero non trovare posto nella propria provincia durante le assegnazioni della fase b e c).
Ma, la questione – sottolinea Campione – potrà essere affrontata con la legge di stabilità, inserendo in essa disposizioni finalizzate a favorire la mobilità dei nuovi assunti, per esempio cancellando la norma sulla permanenza triennale nella sede assegnata, ma non solo.
La sensazione è che il Governo voglia cogliere l’occasione per mettere mano ad un altro pezzo dell’impianto del nostro sistema scolastico: l’idea, insomma, potrebbe essere quella di sottrarre anche la mobilità, o almeno gli aspetti più significativi dell’intera procedura, alla contrattazione sindacale.
Staremo a vedere se i sindacati accetteranno questo gioco o se rivendicheranno l’esclusiva in materia di mobilità.
Le dichiarazioni di Campione mettono in evidenza anche un altro dato: nè il legislatore né il Governo avevano previsto chiaramente quali sarebbero state le conseguenze delle principali disposizioni della legge 107. E forse neppure i sindacati avevano valutato con attenzione il meccanismo delle assunzioni per concentrarsi su altri temi (valutazione dei docenti e nuovi poteri del dirigente scolastico).
Comunque fra poche settimane si concluderanno sia la procedura per l’assegnazione delle supplenze annuali, sia la fase b) delle assunzioni. A quel punto si potranno fare previsioni più precise su come e quando potrà essere attivato l’organico potenziato che, alla resa dei conti, è la novità più importante dell’intera riforma.

ICOTEA_19_dentro articolo
Preparazione concorso ordinario inglese