Home La Tecnica consiglia Mobilità: nuova sentenza riconosce la precedenza nei trasferimenti interprovinciali per assistenza al...

Mobilità: nuova sentenza riconosce la precedenza nei trasferimenti interprovinciali per assistenza al genitore disabile

CONDIVIDI
  • Credion

Con una recentissima sentenza, il Tribunale del Lavoro di Catania accoglie il ricorso promosso da MSA scuola e patrocinato dallo studio legale Zinzi e Bongarzone, riconoscendo ad una docente la precedenza nei trasferimenti interprovinciali per assistenza al genitore disabile.

UNISCITI AL CANALE MSA

Di qualche giorno fa una nuova sentenza presso il Tribunale del Lavoro di Catania che accoglie il ricorso promosso da MSA scuola e patrocinato dallo studio legale Zinzi e Bongarzone e consente ad una docente di ottenere il diritto alla precedenza nelle operazioni di trasferimento interprovinciale, in quanto presta assistenza al genitore affetto da handicap grave ai sensi dell’art. 4 comma 3 L. 104/1992. Richiamando il comma 5 del suddetto articolo, il giudicante ha affermato che il lavoratore dipendente, pubblico o privato, che assiste persona con handicap in situazione di gravità, coniuge, parente o affine entro il secondo grado (…) “ha diritto a scegliere, ove possibile, la sede di lavoro più vicina al domicilio della persona da assistere e non può essere trasferito senza il suo consenso ad altra sede“. Di conseguenza, ha dichiarato illegittimo il CCNI nella parte in cui non riconosce al lavoratore il proprio diritto alla precedenza nei trasferimenti interprovinciali in quanto referente unico di genitore disabile.

Icotea

“Siamo molto soddisfatti per la vittoria ottenuta in quanto garantisce la tutela di un diritto fondamentale, quello relativo alla piena assistenza e integrazione delle persone disabili” commenta il Prof. Scandura Luciano, responsabile dell’Associazione MSA comparto scuola. “Ci dispiace che questa sentenza, in aggiunta alle precedenti, non abbia fatto ravvedere il Miur in merito a questa delicata tematica. Quindi continueremo ad aiutare tutti docenti che sono referenti unici di disabili in situazione di gravità a far valere i propri diritti, ricorrendo presso il Tribunale del Lavoro” conclude il Prof. Scandura.

MSA scuola ricorda che è ancora possibile aderire ai ricorso presso il Giudice del Lavoro allo scopo di ottenere il trasferimento interprovinciale con precedenza per assistenza al genitore disabile. Per aderire al “Ricorso mobilità” cliccare qui. Per ulteriori informazioni è possibile contattare MSA, inviando un messaggio Whatsapp al numero 392-6225285.

pubbliredazionale