Home Attualità Monti fulmina la Giannini ospite da Mentana

Monti fulmina la Giannini ospite da Mentana

CONDIVIDI

Uno degli ospiti in studio, il giornalista del Corriere della Sera, Tommaso Labate, prontamente ha osservato: “era il nome dei nomi nel 2013, però poi ha deciso di scendere in campo e fare Scelta Civica. Ora quel partito si è ridotto a percentuali da cabina telefonica, ovvio che nessuno pensi più a Monti”.

 

 

{loadposition corso-ds}

Icotea

 

 

Apriti cielo! Perché in ascolto c’era in quel momento proprio il senatore a vita, che non l’ha presa affatto bene. Mario Monti ha telefonato a Mentana durante la pausa pubblicitaria. E ha voluto mettere i puntini sulle “i”. Con il suo calmo sarcasmo ci ha tenuto a puntualizzare di non c’entrare nulla con la cabina telefonica a cui si era ridotta la sua creatura politica. “Quando ho guidato io Scelta civica alle urne è andata in doppia cifra, raggiungendo il dieci per cento. Poi ho deciso di fare un passo indietro, e non ho responsabilità per quello che oggi i sondaggi assegnano a quel partito. Non sono stato io a gestirlo”.

Frecciata, senza nominarla, a Stefania Giannini, che ha guidato Scelta civica fino alla disfatta delle scorse elezioni europee. E ancora l’altro giorno guidava da ministro dell’Istruzione la delegazione del mini partito nelle consultazioni quirinalizie da Matteo Renzi. Mario Monti ha messo dunque a nudo la figuraccia fatta dal partito-movimento da lui fondato e da altri squagliato. A nudo d’altra parte la Giannini aveva messo se stessa, con il famoso topless estivo che ha tolto gli ultimi veli (e voti) anche a quel povero partito (LiberoQuotidiano)