Home Personale Musei e siti culturali gratis, gli ATA protestano: “Noi siamo esclusi!”

Musei e siti culturali gratis, gli ATA protestano: “Noi siamo esclusi!”

CONDIVIDI

La Nota n. 12045 del 20 marzo 2016, trasmessa dal Miur, ha fornito le disposizioni in materia di ingresso nei siti museali, come anche per accedere in gallerie, scavi di antichità, parchi e giardini monumentali, emanate dal Ministero dei Beni Culturali. Pertanto, gli insegnanti di ruolo e precari, potranno accedere gratuitamente ai siti e luoghi culturali, tramite un modello da presentare in segreteria scolastica.

Abbiamo riproposto il tema qualche giorno fa e sono giunte diverse lamentele da parte del personale ATA, che vorrebbe usufruire del beneficio allo stesso modo degli insegnanti

Il tema non è nuovo: infatti, subito dopo le disposizioni dei Ministeri dei Beni Culturali e dell’istruzione, molti hanno subito protestato. Il sindacato Feder ATA aveva anche scritto una lettera al Miur per chiedere l’estensione del beneficio anche per il personale ATA, dato che che questi lavoratori della scuola sono parte integrante del percorso di apprendimento culturale degli studenti e come tali dovrebbero avere la possibilità di acquisire le competenze necessarie per contribuire all’organizzazione della scuola orientata alla massima flessibilità.

ICOTEA_19_dentro articolo

Il Ministero dell’Istruzione aveva anche risposto, in modo positivo, spiegando però che era necessario il benestare da parte del Ministero dei Beni Culturali.

Questo, però, non è mai arrivato e gli ATA, ancora oggi, non possono entrare gratuitamente nei musei e nei siti culturali di proprietà dello Stato.

 

Attenzione: non si può usare dappertutto. Ecco dove si può entrare gratis

Tuttavia, è bene specificare che l’ingresso è gratuito solamente per i musei e i complessi monumentali di proprietà dello Stato, quindi sono esclusi beni di proprietà comunale o provinciale.

In effetti, raccogliamo spesso le lamentele del personale docente che non possono utilizzare il loro ingresso gratuito nella maggior parte dei siti italiani, che non sono di proprietà dello Stato.

Ecco QUI l’elenco dei musei e siti archeologici statali

SCARICA QUI IL MODELLO RESO DISPONIBILE DAL MIUR PER ENTRARE GRATIS AI MUSEI E SITI CULTURALI