Home I lettori ci scrivono Nella legge di Stabilità niente per il Personale Ata. Appello a Renzi

Nella legge di Stabilità niente per il Personale Ata. Appello a Renzi

CONDIVIDI

Nessun accenno al Personale A.T.A. della Scuola nella Legge di Stabilità 2016 che è stata definitivamente approvata in Senato martedì 22 dicembre, con 162 voti a favore, 135 contrari e nessun astenuto.

Una vergogna se pensiamo che il valore complessivo della manovra è di circa 35 miliardi di euro.

Icotea

Tutti speravamo che almeno venisse inserito l’emendamento per il Personale A.T.A. presentato dall’onorevole Malpezzi dove veniva proposta, a decorrere dal 1° gennaio 2016, la possibilità di nominare un supplente dopo i primi 30 gg. di assenza di un assistente amministrativo/tecnico.

Invece nulla, di questo emendamento nessuna traccia. Inoltre sono stati bocciati anche i due che chiedevano il ripristino dei quasi 2000 posti tagliati dalla Legge di Stabilità 2015 e l’istituzione di corsi di formazione per il supporto agli studenti disabili.

Permane pertanto il gravissimo divieto assoluto di nominare supplenti per gli assistenti amministrativi (se c’è un organico di diritto superiore a due posti) e tecnici (sempre) in caso di assenza, sia breve che fino al termine dell’anno scolastico.

Nelle oltre 500 pagine di commi, lettere e paragrafi di interventi micro settoriali dove vengono sperperati fondi pubblici da elargire alle più svariate categorie non certo utili per far ripartire l’economia, ma per accontentare forti richieste di settore, noi Ata siamo stati ancora una volta ignorati e beffati!!!

Hanno destinato fondi pubblici al gioco d’azzardo, alla cura delle ludopatie e all’organizzazione dei festival, hanno dato sconti fiscali per compravendita calciatori…; hanno stabilito stanziamenti per scuole paritarie, asili ed elementari parificate, eliminato la supertassa su imbarcazioni di lusso; istituito la card di 500 euro per i diciottenni, senza limiti di reddito, da usare per iniziative culturali (acquisto di libri, ingresso in aree archeologiche, musei, mostre ecc.); hanno prorogato i contratti di 7mila precari nei comuni a rischio fallimento (o totalmente falliti) della Sicilia, hanno dato 20 milioni di euro al corpo forestale calabrese e 9 milioni di euro al Comune di Campione d’Italia; per quanto riguarda le ormai famose 4 Banche, hanno istituito anche “un fondo per salvaguardare le situazioni più delicate (un milione di correntisti salvati e settemila stipendi assicurati” scrive Renzi)… Ma, cari colleghi, c’è molto altro ancora… leggete per credere … Pazzesco … e noi stiamo ancora buoni a guardare in silenzio!!!

Hanno destinato dei fondi per finanziare di tutto e di più (con tutto il rispetto per queste categorie di lavoratori che ne hanno beneficiato), ma non si rendono conto che nella Scuola statale c’e il Personale Ata che non può assentarsi neppure per curarsi una malattia, per non mettere in serie difficoltà i colleghi!.

Dobbiamo assolutamente reagire e far sentire la nostra voce, dobbiamo unirci tutti noi Ata e mobilitarci; abbiamo trascorso troppo tempo in silenzio a lavorare anche oltre i nostri mansionari e le nostre competenze e come ricompensa siamo stati dimenticati, umiliati e abbandonati dalle Istituzioni.

La Federazione del Personale Ata (Federata), vuole essere la Vostra Organizzazione a Vostra difesa e tutela perché NOI SIAMO VOI e ci impegniamo perché diventi la Casa di tutti gli Ata.

Dobbiamo gridare a tutti che nella Scuola CI SIAMO ANCHE NOI, e che senza di Noi, nella Scuola ci sarebbe il caos!!!

Se siete d’accordo… fatevi sentire… Insieme decideremo le azioni da portare avanti per tutelarci.