Home Generale “Nelle Nazioni ricche ancora troppi bimbi poveri”

“Nelle Nazioni ricche ancora troppi bimbi poveri”

CONDIVIDI

Secondo il nuovo rapporto del Centro di Ricerca Innocenti dell’Unicef, l'”Innocenti Report Card 13, Equità per i bambini, forti diseguaglianze in termini di reddito, istruzione, salute e soddisfazione nei confronti della vita si rilevano tra i bambini che vivono in 41 Paesi ad alto reddito, quelli dell’Ue e dell’Ocse. “.

È una classifica della disuguaglianza nel benessere tra i bambini che si trovano nella fascia più bassa della distribuzione e quelli nella fascia media.

Icotea

In 19 paesi su 41 nazioni di cui sono disponibili i dati, oltre il 10% dei bambini vive in famiglie che dispongono di meno del 50% del reddito medio.

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

“Sul divario reddituale relativo, l’Italia è al 35esimo posto su 41 paesi UE/OCSE, sul divario nei risultati scolastici è al 22esimo posto su 37 paesi, sulla disuguaglianza relativa nell’ambito della salute (autovalutata) è al 28esimo posto su 35 paesi, sulla disuguaglianza relativa in termini di soddisfazione nei confronti della vita è al 22esimo posto su 35 paesi. La posizione media dell’Italia per tutte le dimensioni relative alla disuguaglianza è 32esima su 35 paesi Ue/Ocse”, ha dichiarato l’Unicef Italia

Mentre la disuguaglianza riportata dai bambini nell’ambito della salute è aumentata in quasi tutti i paesi trai il 2002 e il 2014, la disuguaglianza nell’attività fisica e in una scarsa alimentazione è diminuita nella maggior parte dei Paesi. La disuguaglianza è stata ridotta nella maggior parte dei paesi anche per quanto riguarda il saper leggere.